Borsellino e Andreotti. Ognuno pianga i suoi

Shares
Falcone, Borsellino, Forattini

Un epigramma greco, attribuito a Simonide, recita così: «Piange i suoi morti ognuno: or sono in lutto». Ed è esattamente la prima reazione che ho avuto quando ho saputo della morte di Giulio Andreotti. Ognuno pianga i suoi morti.

Io piango la morte di Agnese Borsellino, una morte che sento mi appartiene. Non ho mai incontrato personalmente Agnese, eppure la sua morte mi appartiene. Era una persona della mia famiglia, una famiglia allargata. La famiglia della legalità e della giustizia, della lotta alla mafia e alla criminalità organizzata, la famiglia degli italiani perbene. Di quegl’italiani che si riconosco nelle parole e nei principi della Costituzione Italiana.

Quella Costituzione che Paolo Borsellino, il marito di Agnese, e Giovanni Falcone hanno seguito, difeso e onorato fino alle estreme conseguenze.
Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, quando penso al primo non riesco a non pensare e scrivere del secondo. Due uomini del Sud che il Sud non hanno mai abbandonato. Al Sud vivevano e dal Sud lavoravano per cambiare in meglio l’Italia e liberala per sempre dal cancro della mafia. Non ci sono riusciti fino in fondo perché la mafia, grazie anche a connivenze con la società civile e con pezzi malati e deviati dello Stato, è ancora viva e forte, ma hanno seminato molto, bene e in profondità. Nei giorni successivi alle stragi di Capaci e di Via D’Amelio, nelle quali oltre ai due magistrati persero la vita la moglie di Falcone, Francesca Morvillo, e i tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, e ancora il caposcorta di Borsellino Agostino Catalano e gli agenti

Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, campeggiava in molte città italiane uno striscione con una frase che è diventata con il tempo un sentimento: «Non li avete uccisi: le loro idee camminano sulle nostre gambe».

In quel pensiero, scritto chissà da quale mano anonima, c’è il frutto del lavoro di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone. In quel pensiero c’è scritto che il loro impegno è diventato l’impegno di tanti, che il loro esempio è diventato un modo di essere e di vivere il tempo malato che abitiamo.

In un libro che è diventato il suo testamento spirituale Giovanni Falcone rispondendo alle sollecitazioni di una giornalista disse: «La mafia non è invincibile. La mafia è un fenomeno umano e come tutte le cose umane, avrà un inizio e una fine», che è una bellissima esortazione a non mollare, ognuno dalla propria postazione. La mafia si può battere e si batte se ognuno di noi compie bene il proprio lavoro. La mafia non potrà essere sconfitta soltanto dalla magistratura e dalle forze dell’ordine. Dobbiamo collaborare tutti e tra “tutti” ci sono anche i politici, anzi i politici devono essere in prima fila. Per questa ragione sento la morte di Agnese Borsellino come una morte che mi appartiene e quella di Giulio Andreotti come una morte a me estranea, distante, che non mi appartiene.

In occasione di un premio intitolato al marito Agnese inviò una lettera agli organizzatori in cui si rivolgeva ai giovani. Una lettera in cui pur ricordando la difficoltà che incontra la giustizia per affermarsi non manca l’ottimismo e la fiducia in un futuro migliore per il nostro Paese.

«Carissimi giovani, mi rivolgo a voi come ai soli in grado di raccogliere davvero il messaggio che mio marito ha lasciato, un`eredità che oggi, malgrado le terribili verità che stanno mano a mano affiorando sulla morte di mio marito, hanno raccolto i miei tre figli, di cui non posso che andare orgogliosa soprattutto perché servono quello stesso Stato che non pare avere avuto la sola colpa di non avere fatto tutto quanto era in suo potere per impedire la morte del padre. Leggendo con i miei figli (qui in ospedale dove purtroppo affronto una malattia incurabile con la dignità che la moglie di un grande uomo deve sempre avere) le notizie che si susseguono sui giornali, dopo alcuni momenti di sconforto ho continuato e continuerò a credere e rispettare le istituzioni di questo Paese, perché mi rendo conto che abbiamo il dovere di rispettarle e servirle come mio marito sino all`ultimo ci ha insegnato, non indietreggiando nemmeno un passo di fronte anche al solo sospetto di essere stato tradito da chi invece avrebbe dovuto fare quadrato attorno a lui. Io e i miei figli non ci sentiamo persone speciali, non lo saremo mai, piuttosto siamo piccolissimi dinanzi la figura di un uomo che non è voluto sfuggire alla sua condanna a morte, che ha donato davvero consapevolmente il dono più grande che Dio ci ha dato, la vita. Io non perdo la speranza in una società più giusta ed onesta, sono anzi convinta che sarete capaci di rinnovare l’attuale classe dirigente e costruire una nuova Italia, l’Italia del domani. Un caloroso abbraccio a voi tutti».

Ciao Agnese, un bacio bello ovunque tu sia, salutaci Paolo e Giovanni e ricordatevi che non vi dimenticheremo mai. Sempre e per sempre dalla vostra parte, con voi.

Oscar Buonamano

Direttore editoriale di Carsa Edizioni ed Editor di Lector in fabula, European cultural festival. Gli studi di architettura, l’interesse per la letteratura contemporanea e la voglia di capire il mondo sono le passioni con le quali convive sul suo blog, Culture metropolitane, de L’Espresso. Tra le sue pubblicazioni, L’Aquila. La città e il nuovo millennio (2018), Pescara città giardino, le case della Pineta (2014), Il Pescara di Zeman (2012). È vice presidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top
Change privacy settings