Fossero del Sud le banche predate dai dirigenti cosa direbbero le tv e i giornali nazionali?

Shares

Ma ci pensate cosa scriverebbero, ogni giorno, i giornali nazionali, quante ore di tv-denuncia, quanti terroni evoluti a dire: «Anche questo è colpa dei Savoia?», se fossero meridionali gli istituti di credito svuotati dai loro dirigenti, come la Veneto Banca e la Banca Popolare di Vicenza; la Banca di Credito Cooperativo Fiorentino presieduta da Denis Verdini, titolare di una mezza dozzina di imputazioni e una condanna, ammiratore del noto detenuto per mafia, Marcello Dell’Utri; il Monte de’ Paschi di Siena che non bisogna dire è di fatto fallito, anzi!; la Banca Etruria imparentata con il governo (ma il Parlamento, a maggioranza, non ricordo bene se ha stabilito che la ministra Boschi non è figlia di suo padre o che non è un problema, nella Repubblica delle banane, esser ministro e figlia di un amministratore già sanzionato dalla Banca d’Italia e che chiedeva consigli in ambienti massonici, “deviati” ovvio, e paramafiosi, cioè al pregiudicato Flavio Carboni, che aveva rapporti con la cosca dei corleonesi e con la banda della Magliana)?

Parliamo di una razzia continuata e a tappetto dei risparmi di centinaia di migliaia di persone, miliardi di bottino (11, l’equivalente di una legge finanziaria, soltanto fra Popolare di Vicenza e Veneto Banca), gente spogliata dei risparmi di una vita affidati all’Etruria e alla popolare di Vicenza che si suicida e persino il sospetto che qualcuno (il responsabile della comunicazione del Monte de’ Paschi) sia stato… aiutato a farlo; azioni il cui valore passa da circa 63 euro a 10 centesimi.

Ci pensate se fosse dovuto all’incapacità e alla “disinvoltura”, diciamo così, di istituti di credito del Sud, l’allarme del Fondo monetario internazionale (FMI) sul pericolo-banche italiane, con 360 miliardi di euro di “sofferenze”, ovvero soldi prestati e che si possono più o meno considerare persi, al punto che, pur se si invertisse tendenza oggi, si stima che ci vorrebbero vent’anni per tornare al livello del 2008? Ma avete idea di cosa e quanto che leggeremmo sui “giornali nazionali” che da quelle stesse banche “nazionali” prendono ossigeno, in modo diretto o indiretto e devono rispetto?

Gli stessi giornali, gli stessi ambienti bancari, gli stessi salotti della Finanza con politica al servizio che montarono sul nulla lo scandalo-Banco di Napoli, per regalarlo a 60 miliardi di lire alla quasi fallita Banca nazionale del lavoro, che lo rivendette poco dopo a tremila miliardi, mentre lo scandalo dei crediti inesigibili del Banco si rivelava finto, perché i soldi rientrarono normalmente.

Eppure, con quel che sta accadendo, non c’è un dirigente bancario (dico in generale) in galera, o il sequestro dei patrimoni agli amministratori, per recuperare il maltolto; né leggiamo sulla stampa nazionale quelle lenzuolate di indignazione che dovrebbero indurli alla vergogna. In compenso, il fanfarone messo a far finta che ci sia un governo, mentre i suoi padroni si spolpano il Paese, dice che il nostro sistema bancario è sano e minaccia ghigliottina e tortura della ruota contro i “furbetti del cartellino” che timbrano e vanno al supermercato, invece che in ufficio. E tv e giornali sparano a reti e pagine unificate contro questi cialtroni da quattro soldi, trasformandoli nei colpevoli del disastro italiano.

Non meritano difesa i furbetti, ci mancherebbe. Ma proviamo a fare l’elenco dei mali nazionali e vediamo a che posto, nella lista, dopo schiere di indisturbati furboni, vengono questi ladruncoli; e a che posto sono i banchieri che hanno prestato i soldi dei soci “stupidi” e degli ignari correntisti a “prenditori” amici o ben imparentati (incluso il papà del presidente del Consiglio), con tale rigore, che quei soldi sono usciti e, salvo eccezioni, non rientreranno più.

E ora, per fottere qualche altro, dopo i correntisti a cui sono stati impunemente mollati titoli che valgono carta-straccia e soci “stupidi”, sua Eccellenza l’Apparente capo del governo, attraverso un suo “braccio destro”, ha varato norme sull’accorpamento delle Banche di credito cooperativo, con criteri che per caso, si capisce, paiono favorire, secondo i soliti malpensanti, alcune banchette toscane e ben imparentate (ancora! Ecchemaronn…).

La cosa comporterà l’ennesima rapina ai danni del Sud, perché le banche di credito cooperativo meridionali, servendo economie territoriali più piccole di quelle del Nord, più piccole sono; e avendo esposizioni minori, nel senso che la quantità di prestiti erogata è inferiore di quelle del Nord, rispetto ai fondi posseduti, hanno più soldi; mentre quelle del Nord hanno più debiti. Con l’accorpamento imposto dai ladroni del governo, i soldi delle banche del Sud costrette a essere mangiate dalle più grandi del Nord, serviranno a pagare i debiti di quelle settentrionali (non è furto: è abitudine).

Naturalmente, farete fatica a informarvi sulla nuova rapina in corso, perché i giornali di Sua Nullità Matteo e le tv, non solo quella di Stato, serva per statuto e vocazione, avendo le loro migliori forze e il loro tempo occupati a documentare l’intollerabile scandalo dei “furbetti del cartellino” che sta affondando il Paese, non possono anche dedicarsi a queste sciocchezze, giusto?

Pino Aprile

È stato vicedirettore di Oggi e direttore di Gente, ha lavorato in televisione con Sergio Zavoli nell'inchiesta a puntate Viaggio nel sud e a Tv7, settimanale di approfondimento del TG1. È autore di libri tradotti in più lingue come Elogio dell'errore, Elogio dell'imbecille e Terroni. Conclusa l'esperienza di direttore di Gente si è occupato principalmente di vela e altri sport nautici, dirigendo il mensile Fare vela e scrivendo alcuni libri sul tema, come Il mare minore, A mari estremi e Mare, uomini, passioni. Nel marzo 2010 ha pubblicato il libro Terroni, un saggio giornalistico che descrive gli eventi che hanno penalizzato economicamente il meridione, dal Risorgimento ai giorni nostri. L'opera è divenuta un bestseller, con 250.000 copie vendute[1]. Per questo libro, il 29 maggio 2010, gli sono stati conferiti, fra gli altri, a Palermo il Premio Augustale, a Reggio Calabria il Rhegium Julii, ad Aliano il Premio Carlo Levi, ad Avezzano il Premio Marsica. Dal libro nasce lo spettacolo teatrale omonimo con l'attore Roberto D'Alessandro e musiche di Mimmo Cavallo. Per iniziativa di Marcello Corvino, della Promomusic, dagli ultimi tre libri di Aprile e dalle canzoni brigantesche e meridionaliste di Eugenio Bennato, è tratto il lavoro teatrale Profondo Sud, con cui i due autori hanno esordito l'estate del 2012. Nell'agosto 2011 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria di San Bartolomeo in Galdo; il 19 gennaio 2012, quella di Ponte, in provincia di Benevento, e il 1º febbraio 2012 quella di Laterza, in Provincia di Taranto e il 27 dicembre 2012 quella di Caccuri in provincia di Crotone. L'11 novembre 2011, a New York (Manhattan), in coincidenza con la presentazione dell'edizione americana di Terroni, ha ricevuto il premio "Uomo ILICA 2011" (Italian Language Inter-Cultural Alliance) e il 10 agosto 2012 si è aggiudicato il primo premio della prima edizione del Premio Letterario Caccuri dedicato alla saggistica.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top