Questo sito contribuisce
alla audience di

Investimenti dello Stato per salvare i bambini delle periferie

Shares

Siamo abituati a parlare delle Periferie delle città solo in campagna elettorale. Poi, dimentichiamo che in quei luoghi, durante tutto l’anno, si vive in un degrado indescrivibile.
Ed in pericolo sono sicuramente i bambini. Per tanti motivi: mafie, pedofilia, spaccio, rapine e tanto altro ancora.

Oggi parliamo della storia della piccola Fortuna, dell’omertà che ruota attorno a questa tragica e assurda vicenda, ma non ci siamo mai preoccupati dell’assenza totale dello Stato nelle periferie delle nostre città.

Caivano e la terrificante sorte del piccolo Antonio e poi della piccola Fortuna sono la dimostrazione del fatto che questi “labirinti”, quando lo Stato è assente e latitante, si trasformano in inferno senza apparenti vie di uscita. E quante Caivano esistono in Italia? Tante, forse anche troppe.

Personalmente sono stata spesso nelle periferie di Napoli.

Ho parlato e raccontato dell’Altra Scampia, quella che non vediamo perchè nessuno vuole farcela conoscere. Del riscatto sociale di una generazione che si è ribellata al sistema camorristico facendo rinascere intere zone del quartiere.

Ecco, questi ragazzi organizzati in associazioni o cooperative, spesso con l’aiuto di preti che come Don Peppino Diana hanno rischiato la loro vita o con l’aiuto delle scuole, si sono sostituiti allo Stato e alla politica per il bene della loro comunità e per cercare di difendere il futuro delle generazioni che nasceranno in quelle zone. Purtroppo questo non basta.

Per smuovere le coscienze e per ridare dignità e legalità a queste periferie ci vuole una presenza costante, attraverso investimenti concreti, da parte dello Stato. Solo così si possono prevenire le tragedie terrificati che oggi siamo costretti ad assistere e si possono mettere in salvo le vite dei tanti bambini che vivono in questi quartieri periferici.

Valentina Spata

La sua è una storia di impegno sociale e politico, una storia comune che ha condiviso con tante altre persone, soprattutto giovani e donne. Da sempre ha unito, alla passione politica, il volontariato nelle associazioni e l’impegno con i giovani al servizio dell’università. Laureata in Scienze Politiche indirizzo Sociale: un percorso di studi che le ha permesso di rendere la sua attività più professionale ed efficace. Da sindacalista ha condotto numerose battaglie a favore dei tanti lavoratori siciliani. E’ cresciuta credendo nei valori della famiglia, dell’ambiente, dell’impegno nel sociale, delle risorse per il futuro. Ha coltivato questi valori prima nella Sinistra Giovanile e poi nei Giovani Democratici dove ha ricoperto diversi ruoli di rilievo. Ha costruito una rete nazionale coinvolgendo tantissimi giovani e donne. Attualmente è la Presidente Nazionale della “Rete della Legalità del Mezzogiorno”, associazione radicata in tutto il Meridione e strumento necessario per portare avanti una forte azione di contrasto alle mafie e all’illegalità.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top