';

Un reality con Emanuele Filiberto, Paola Barale e altre starlette in un campo profughi. Bufera sulla Rai

No alla spettacolarizzazione della tragedia dei profughi. È la motivazione con cui parlamentari di Pd e Sel sollevano nuovi dubbi su Mission, il programma di Rai1 che dovrebbe andare in onda in due puntate a dicembre. Dopo le proteste di alcune ong, intervenute per criticare il format, che vedrà otto personaggi famosi impegnati nei campi profughi di Sud Sudan, Congo e Mali accanto agli operatori di Unhcr e Intersos, ora il tema approda in Commissione di Vigilanza.

Il presidente Roberto Fico chiede di poter visionare la puntata numero zero e invita i vertici Rai a valutare l’opportunità di uno stop in caso di mancato rispetto del ruolo di servizio pubblico. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, che ha fornito assistenza e consulenza per la realizzazione del programma, si dice ”fiducioso che la Rai tratterà l’argomento con la massima sensibilità e delicatezza evitando ogni spettacolarizzazione”. ”Mission – spiega l’organizzazione – rappresenta un’importante opportunità per far conoscere al grande pubblico il dramma” dei profughi e per ”dare visibilità a crisi umanitarie spesso dimenticate”.

A difendere l’iniziativa, in casa Rai, ci pensa il direttore di Rai1, Giancarlo Leone. ”Per alcuni la vera #mission – scrive su Twitter – è commentare un programma che deve essere ancora registrato e montato. #misssionimpossible”. Leone critica anche gli interventi dei parlamentari. ”Due deputati – rileva – sollecitano presidente Vigilanza a visionare un programma di RaiUno prima della messa in onda. Progresso o regresso?”. Ad avanzare la richiesta i deputati Pd Michele Anzaldi e Luigi Bobba, che spiegano: ”Si fatica a comprendere come dei vip di cui non si conosce un particolare impegno sociale possano contribuire ad aumentare la conoscenza di realtà così difficili”. ‘

‘La spettacolarizzazione dei drammi umani dei rifugiati politici – fanno eco Gennaro Migliore e Nicola Fratoianni di Sel – è poco utile al dibattito, pur necessario, ed è lesiva della dignità delle persone e delle loro vite, perché utilizzate a fini commerciali”.

Il presidente della Commissione di Vigilanza accoglie le richieste dei parlamentari e in un’interrogazione ai vertici Rai chiede di sapere ”chi e in che modo produrrà le due puntate” e ”se saranno accordati cachet alle celebrities che parteciperanno al reality”.

Fico chiede quindi di ”visionare la puntata numero zero già registrata in modo da poter comprendere se sono stati rispettati i principi che regolano la missione e il ruolo del servizio pubblico perché, in caso negativo, dovrebbe essere messa in discussione la messa in onda del programma”. A partecipare allo show saranno, tra gli altri, Emanuele Filiberto, Al Bano, Paola Barale.

Oltre a Barbara De Rossi e Michele Cucuzza, che hanno girato il numero zero in Sud Sudan. ”Io non spettacolarizzo un bel nulla – sostiene quest’ultimo -. Sto valutando insieme al mio avvocato il trattamento che ho ricevuto dai giornali. Mi sento offeso anche perché sono stato accostato come immagine allo show del dolore”.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento