Doggami: sulla scia di Tinder, nasce l’app di incontri per cani

Shares

Nasce una community per i cuori a quattro zampe: con Doggami, i cani si incontrano grazie alla piattaforma online.

L’idea di un giovane pugliese

L’idea è di Claudio Mastropaolo, imprenditore 34 anni, di Alberobello (Ba): da anni si occupa di sviluppo, business e marketing, amante dei cani. Come per qualsiasi social di dating online, ha pensato di crearne uno  apposta per gli amici a quattro zampe, Doggami. Il primo mese, la piattaforma online ha fatto il boom con 600 iscritti, che si sono poi raddoppiati dopo poco.

Mappe, Annunci e Forum

Mappe per gli incontri, per le adozioni, per individuare il veterinario più vicino o i canili, e anche per trovare i piccoli negozi specializzati. L’area annunci, permette di inserire le caratteristiche del proprio cane, dalla razza al comportamento, ed è inclusa anche l’opzione di compravendita per permettere ai cuccioli di essere adottati attraverso questa vetrina online.

L’importanza della pet therapy

pet therapy

L’obiettivo, oltre a quello di far incontrare amici a quattro zampe in maniera selezionata, è soprattutto quello di offrire aiuto per le adozioni. Ma anche quello di poter donare un cane a chi ne ha bisogno, come compagnia terapeutica (pet therapy), che funziona tanto nelle corsie di ospedale e per far compagnia a persone sole.

Dog sitting

Cliccando sulle immagini identificative presenti nella home, nella sezione tratti distintivi è possibile vedere la lista di qualità del cane in vetrina: taglia, intelligenza, addestramento. Con Doggami si possono trovare anche i dog-sitter, informazione utile per chi ha bisogno di qualcuno che accudisca il proprio cucciolo in caso di assenza soprattutto adesso che si avvicina l’estate. Sulla HomePage del sito, c’è anche un forum in cui si possono chiedere consigli a veterinariaddestratori.

Entrare nella community

Chi vuole unirsi a Doggami, può decidere se avviare il profilo del proprio cane, definire il profilo  di un cucciolo da adottare o acquistare, o ancora parlare di un servizio offerto come il dog-sitting o veterinario. In programma in futuro si è pensato anche ad una app per smartphone e una versione in inglese del sito.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top