Questo sito contribuisce alla audience di

Parola ai detenuti: in “Colpevoli” il racconto delle loro vite dietro (e oltre) le sbarre

Shares

Colpevoli non solo per il tribunale, ma anche per la società che li emargina. È per questo che accendere le luci sul mondo del carcere e sulle storie dei detenuti aiuta a non escluderli, a dare loro una seconda possibilità. È questo uno dei principali obiettivi di “Colpevoli. Vita dietro (e oltre) le sbarre” di Annalisa Graziano (Edizioni La Meridiana), presentato mercoledì sera nella sala “Rosa del Vento” della Fondazione Banca del Monte a Foggia.

Alla presentazione hanno preso parte l’autrice, il presidente della Fondazione Banca del Monte di Foggia, Saverio Russo, il presidente del Csv Foggia, Pasquale Marchese, il direttore del carcere di Foggia, Giuseppe Altomare, il vicepresidente nazionale di Libera, Daniela Marcone, e la direttrice delle edizioni La Meridiana, Elvira Zaccagnino. L’incontro è stato moderato da Roberto Lavanna, sociologo e direttore del Csv Foggia.

Come ha spiegato la giornalista Annalisa Graziano, questo lavoro “nasce da una lunga chiacchierata con il direttore della Casa Circondariale di Foggia, Mariella Affatato. Dopo l’esperienza della mostra e del volume fotografico “L’altra possibilità. Reportage dal mondo penitenziario”, realizzati a quattro mani con Giovanni Rinaldi, ho pensato di raccontare la vita e le vite dentro.

‘Colpevoli’ è un viaggio nelle sezioni dell’Istituto Penitenziario foggiano, tra le celle, le aule scolastiche, i passeggi, nella cucina e in tutti i luoghi accessibili. È, soprattutto, la rivelazione delle storie che ci sono dietro i nomi e le foto segnaletiche cui ci hanno abituati la cronaca nera e giudiziaria. Non solo rapinatori, omicidi, ladri e spacciatori, ma anche uomini, padri, figli e mariti con storie che nessuno aveva ancora raccolto. ‘Colpevoli’ alcuni detenuti si sentono fino in fondo, altri in parte. Ma tutti si sono messi in discussione raccontandosi e hanno ‘scritto’ alcune pagine insieme a me”.

La prefazione del volume, realizzato con il sostegno della Fondazione Banca del Monte e in collaborazione con il CSV Foggia, porta la firma di don Luigi Ciotti. “Queste pagine – scrive il Presidente di Libera – ci aiutano a ricordare che il carcere non è una terra marginale o un mondo a parte, ma un’eventualità nella storia delle persone. Scaturita certo da scelte sbagliate, di cui è giusto rendere conto, ma anche da opportunità negate, dall’assenza di alternative”. La postfazione è stata affidata a Daniela Marcone, vicepresidente di Libera e figlia di Francesco Marcone, vittima innocente di mafia. “Abbiamo chiesto a Daniela un contributo per raccontare anche l’altro punto di vista, quello della vittima – spiega Graziano – tema che ho cercato di affrontare, non senza difficoltà, anche con i detenuti che ho intervistato”.

“Negli ultimi anni – il commento del Presidente della Fondazione Banca del Monte, Saverio Russo – abbiamo sostenuto l’attivazione delle misure alternative al carcere, abbiamo tentato di alleviare il dramma delle famiglie dei detenuti, di fare in modo che la detenzione non sia solo segregazione vuota ed alienante o, peggio, scuola del crimine, ma sia ripensata per ricostruire legami positivi con il mondo esterno. Abbiamo finanziato nel 2016 una mostra e un testo, intitolati “L’altra possibilità” e oggi il nuovo volume, scritto da Annalisa Graziano, propone una riflessione che potrà sensibilizzare sul tema e contribuire a rendere più solido il progetto di recupero e rieducazione”.

“Colpevoli” si compone di due parti: la prima dedicata al mondo carcere, la seconda all’esecuzione penale esterna, attraverso il racconto delle realtà del Terzo Settore segnalate da UEPE, l’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna. Annalisa Graziano ha rinunciato ai diritti d’autore. I proventi sosterranno attività nel carcere di Foggia.

Anna Laura Maffei

Giornalista, blogger ed esperta di comunicazione, scrive di sociale, di innovazione e di cultura. È communication manager di Digital Media, service giornalistico di Tiscali.it e main partner di RestoalSud.it, portali d’informazione per i quali scrive i suoi articoli. Per la testata RestoalSud.it ricopre il ruolo di caporedattrice dal 2014, ha curato la selezione e l’editing dei testi dell’omonimo libro ("#RestoalSud", Pietre Vive Editore, 2018) ed è coordinatrice didattica della Resto al Sud Academy. Opera come consulente ed esperta di comunicazione digitale e social media per PMI e Startup e svolge attività di ufficio stampa. Ha collaborato con diverse testate informative, rigorosamente “all digital”, tra cui Gosalute.it, TerzoSettore TV e Look Out TV, quest’ultima tra le web tv di riferimento nell’ambito del racconto delle culture, diretta da Claudio Martelli, di cui è stata project manager.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top