Il ruolo dell’attore ai tempi del Covid-19: come reagire in scena al lockdown.

Shares

L’entrata in vigore del lockdown ha chiuso a chiave le porte di tutti i teatri. Gli attori di ImprovvisArt, come i loro colleghi di tutta Italia, si sono ritrovati dall’oggi al domani in un mondo incerto e sconosciuto ad ogni artista della scena: le mura domestiche.

Promozione teatrale e improvvisazione

ImprovvisART è una Società Cooperativa nata nel 2009, si occupa di organizzazione e realizzazione di eventi legati al mondo del teatro e dello spettacolo, dell’arte e della cultura, alla produzione di spettacoli, scuola di formazione teatrale e direzione artistica di rassegne, festival e corsi. Fulcro di Improvvisart è la S.N.I.T. (Scuola Nazionale Improvvisazione Teatrale), unica sede pugliese. La scuola è ufficialmente affiliata ad Improteatro, Associazione Nazionale di Improvvisazione Teatrale il cui scopo principale è di promuovere il teatro e l’ improvvisazione teatrale.

L’esperienza decennale di ImprovvisArt

Fabio Musci è il direttore artistico e della formazione di ImprovvisArt. Ha fondato oltre dieci anni fa la società insieme con Alessandra Villa, Presidente della cooperativa e Responsabile degli aspetti gestionali. Lo scorso gennaio avevano inaugurato la sede fisica di ImprovvisArt a Lecce, un grande spazio unico nel cuore del quartiere San Pio, riallestito ad hoc per farne una sala prove e una scuola di teatro. Appena il tempo di brindare, che è scattato il lockdown. La cooperativa teatrale leccese non si è lasciata scoraggiare dagli ostacoli del lockdown, ha proseguito regolarmente le lezioni trasferendole sul web.

In collaborazione con l’ Università del Salento

Una parvenza di normalità in un periodo particolare, e la felicità per i tanti feedback positivi ricevuti e per esser riusciti ad adattare lezioni e formazione in un contesto di lockdown. Appuntamenti web utili a tenere viva la comunità, ma anche necessari a far andare avanti l’attività di formazione che, dallo scorso anno, grazie alla collaborazione con l’Università del Salento è riconosciuta dal Miur e può erogare crediti formativi, in modo che gli allievi possano a loro volta divenire formatori certificati.

#altrevisioni

E per discutere del futuro, si è tenuto pochi giorni fa, l’incontro #altrevisioni. Una tavola rotonda interattiva con 4 esperti, che si sono confrontati sul tema della formazione in rapida evoluzione, tra difficoltà inedite e nuove opportunità. Tra gli esperti: la dott.ssa Elisabetta Salvati, direttrice di Aforisma Business School, il prof. Giovanni Bianco, Coordinatore didattico di Master Europei per conto dell’Università degli Studi di Bari, il prof Ezio Del Gottardo, pedagogista, esperto di didattica a distanza, prof. Associato dell’università di Foggia e Fabio Musci.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top