Raccontare la città in modo originale. Ora anche nel capoluogo pugliese. Come già realizzato in altre città italiane ed europee, l’Amtab, l’Accademia di Belle Arti di Bari e la Studio Uno (concessionaria in esclusiva degli spazi outdoor dell’Amtab), hanno realizzato un’iniziativa denominata “Bari raccontata alle fermate dei bus”, mirata a rendere ancora più confortevoli le
pensiline con decorazioni che racconteranno alle fermate dei bus momenti della storia di Bari, delle sue tradizioni e costumi.

Le pensiline, inserite in zone di particolare valore storico, urbanistico e paesaggistico, assumeranno così una nuova veste e arricchiranno Bari di veri e propri elementi di arredo urbano.

L’Accademia di Belle Arti ha fatto realizzare le opere da esporre sulle pensiline, grazie ai propri studenti del corso di Decorazione che saranno premiati con una borsa di studio. E così, l’Accademia oltre a svolgere un importante ruolo di formazione, promuove i propri talenti che riceveranno anche un attestato di merito che potrà risultare per loro importante nel prosieguo dell’attività professionale. Ma soprattutto avranno l’orgoglio di aver partecipato alla crescita culturale e artistica della città.

Gli studenti hanno presentato più di 50 opere e ne sono state selezionate 10
dal Direttore dell’Accademia Giuseppe Sylos Labini con la collaborazione dei professori Michele Giangrande, Giuseppe Negro, Giulia Barone.
I giovani artisti premiati sono Serena Brattoli, Felicia Brunetti, Manuela De Gioia, Roberta De Licio, Stefania Cicchelli, Alice Di Nanna, Sara Mininni, Eleonora Palumbo.

Il progetto prevede inoltre che le opere siano esposte in una mostra collettiva dal titolo “Sensibili alla bellezza” nel foyer del Gran Cinema Galleria di Bari dal 20 ottobre al 4 novembre.

Intenzione dei promotori è di far diventare questo premio annuale, in modo che entro 2 – 3 anni gran parte delle pensiline di fermata saranno “griffate” dai talenti dell’Accademia.