';

200 mila visitatori per i tesori di Puglia

200 mila visitatori hanno preso parte alle diverse attività e fruito delle aperture straordinarie previste su tutto il territorio regionale da aprile 2014 a gennaio 2015 per le attività di Puglia Open Days, che hanno visto protagoniste le bellezze di Puglia dal Gargano al Salento in 104 Comuni.

Il progetto, finanziato con fondi P.O. FERS 2007-2013, ha messo insieme – si sottolinea in una nota di Puglia Promozione – i giganti dell’arte, della storia, della cultura mondiale, raccontando la Puglia attraverso i castelli, le cattedrali, i musei, i teatri, i parchi e le aree archeologiche, i centri storici.

Luoghi noti affianco a gioielli d’arte meno conosciuti, autentici e affascinanti, resi fruibili grazie al progetto di Puglia promozione e alla collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo tramite la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia, la Conferenza Episcopale Pugliese, l’ANCI Puglia, l’UNPLI Puglia Comitato regionale delle Pro Loco e alla professionalità di operatori e guide che hanno raccontato le meraviglie di Puglia ai turisti italiani e stranieri.

Nella top ten dei siti più visitati di Puglia nei sabato sera Puglia Open Days figurano la Basilica Concattedrale di Santa Maria Assunta di Ostuni, la Basilica di San Martino di Martina Franca, il Duomo e la Basilica si Santa Croce di Lecce, il Castello di Manfredonia, il Castello Aragonese di Taranto, il Castello Svevo di Bari, il Polo Museale di Gallipoli, Palazzo Granafei Nervegna a Brindisi, Castel del Monte e la Cattedrale di San Nicola Pellegrino a Trani.

A seguire ci sono Palazzo Simi a Bari, la Galleria «De Vanna» a Bitonto, il MARTA di Taranto, Castel del Monte, il Castello Svevo di Trani. Il Salento è l’area che ha avuto il maggior numero di visitatori (35% del totale).

La seconda destinazione è «Bari e la costa» (17%), seguita da «Valle d’Itria» (14%), da «Magna Grecia» e «Gargano» (12%) e Puglia Imperiale (10%). Le città più battute sono state Lecce, Bari, Gallipoli, Brindisi, Ostuni, Taranto, Trani, Monte Sant’Angelo, Barletta e Foggia.

I turisti hanno riscoperto inoltre il piacere di assaporare le bellezze dei tesori nascosti di Puglia, anche passeggiando nei piccoli borghi, alla ricerca di scorci da immortalare. Tra i borghi più visitati ci sono Oria, Laterza, Conversano, Sant’Agata di Puglia, Manduria.

Nel Gargano e Daunia molto apprezzati anche il Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo, il Museo Civico di Foggia e il Polo Museale di Ascoli Satriano, il centro storico di Vieste. Grande interesse anche per la Cattedrale di Barletta, ma la Puglia Imperiale è stata molto apprezzata anche visitando gli ipogei di Canosa di Puglia, la Cattedrale di Ruvo di Puglia, la Sinagoga Scolanova e i centri storici di Terlizzi, Bisceglie e Andria. Bari e la costa ha attratto con il suo inestimabile patrimonio culturale. Notevole affluenza alla Cattedrale di San Sabino, alla Basilica di San Nicola e al Teatro Petruzzelli.

Apprezzati dai turisti anche la Fondazione Pino Pascali a Polignano a Mare, il Castello Acquaviva d’Aragona a Conversano, i centri storici di Giovinazzo e di Rutigliano con il Museo del Fischietto.

A trascinare l’offerta della Magna Grecia Murgia e Gravine un forte fascino hanno esercitato oltre che le visite al MARTA anche i percorsi nella Taranto Sotterranea con il suo inestimabile patrimonio ma anche Laterza, con il suo suggestivo centro storico, Mottola, col villaggio di Casalrotto, Gravina in Puglia con la Fondazione Ettore Pomarici Santomasi. In Valle d’Itria molto apprezzato, inoltre, il Castello Ducale di Ceglie Messapica, a Carovigno il Castello Dentice di Frasso e il Museo del Territorio Casa Pezzolla ad Alberobello. Molto partecipate, poi, le visite guidate ai centri storici di Alberobello, Martina Franca e Noci.

Il Salento ha affascinato gli amanti del barocco ma non solo. Grande affluenza ai Castelli di Francavilla Fontana, Copertino, Acaya e Otranto. Grande interesse anche per il Museo Archeologico Provinciale «F.Ribezzo» di Brindisi e i borghi di Specchia e Castro.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento