Questo sito contribuisce alla audience di

“5×7 – Il paese in una scatola”: tra Napoli e San Paolo del Brasile, Citoni regista dei due mondi

Shares

Prima a Napoli e poi a San Paolo del Brasile. “5×7 – Il paese in una scatola”, documentario realizzato in Alta Irpinia dal regista romano Michele Citoni, è infatti alla XXI edizione del Napoli Film Festival, poi ospite al Move Cine Arte, appunto nella più grande città carioca.

L’appuntamento napoletano al Cinema Delle Palme, in via Vetriera a Chiaia, quello brasiliano all’Istituto Italiano di Cultura di San Paolo. Due proiezioni in sequenza che danno all’opera un respiro intercontinentale e a Citoni l’etichetta di “regista dei due mondi”.

Un tratto che unisce il cineasta romano al protagonista della sua pellicola, quel Frank Cancian, professore emerito di Antropologia presso l’Università di Irvine, in California, che da giovane aveva abitato e vissuto Lacedonia per sette mesi, scattando 1801 fotografie lasciate pochi anni fa in dono alla comunità del piccolo paese della provincia di Avellino.

Tra Italia e Brasile

Frank Cancian a Lacedonia

Anche la storia familiare di Cancian, infatti, si muove tra Italia e Brasile. Suo padre, nato nel Paese sudamericano all’inizio del XX secolo, crebbe in Veneto ma emigrò poi negli Stati Uniti. Qui, nel 1935, nacque Frank, che sarebbe poi diventato uno degli antropologi più famosi al mondo. Nel documentario “5×7 – Il paese in una scatola” – montato da Roberto Mencherini e prodotto in collaborazione con il Museo Antropologico Visivo Irpino, con la Pro Loco “Gino Chicone” e con l’associazione Lapilart -, Cancian ricostruisce il suo soggiorno lacedoniese del 1957.
Ma la pellicola racconta anche le tappe, inizialmente casuali, poi via via più cercate e volute, della nascita del MAVI – promosso dalle stesse associazioni e dall’amministrazione comunale di Lacedonia -, che oggi contiene tutto quel meraviglioso patrimonio fotografico e ne custodisce i negativi.

Il commento del regista

5×7, la locandina

“Alcuni lacedoniesi hanno riscoperto le 1801 fotografie quasi sessant’anni dopo, ne hanno riconosciuto il grande valore e con la fondazione del MAVI hanno messo questo patrimonio a disposizione di tutti”, spiega Michele Citoni. “Ringrazio la Pro Loco e LaPilart per avermi concesso l’opportunità di raccontare questa storia, fidandosi del mio sguardo. La realizzazione del film è un pezzo della costruzione del museo, istituzione che così racconta non solo, attraverso le foto, la Lacedonia degli anni ’50, ma anche – conclude il regista – la storia di sé stesso, la genesi del patrimonio che custodisce, il legame tra Lacedonia e Cancian rinnovato nel tempo”.

I riconoscimenti

Il film “5×7 – Il paese in una scatola” ha già partecipato, tra gli altri, al “Laceno d’Oro” di Avellino, al “Film Festival della Lessinia” di Bosco Chiesanuova, in provincia di Verona, al Festival “Sguardi sui territori” di Gemona del Friuli, nell’udinese.
Ha ricevuto una menzione speciale all’EtnofilmFest di Monselice, in provincia di Padova, e il Premio Direzione del Festival del MonFilmFest di Casale Monferrato, in provincia di Alessandria. Dopo la trasferta in terra brasiliana, la pellicola tornerà in Italia: a ottobre sarà a Monte Sant’Angelo, nel foggiano, per partecipare a Monde – Festa del Cinema sui Cammini.

Domenico Bonaventura

Domenico Bonaventura (Avellino, 1984), giornalista, comunicatore e saggista, vive e lavora tra Lacedonia, in Alta Irpinia, dov’è cresciuto, e Roma. Laurea Magistrale in Scienze Politiche – indirizzo Comunicazione politica, economica e istituzionale – presso la LUISS “Guido Carli” di Roma. Giornalista con una passione rovente per il calcio, la politica e le parole. Italiano e meridionale fiero e critico, una passione rovente per il calcio, la politica e le parole, ho gestito e gestisco diversi uffici stampa - campagne elettorali, manifestazioni culturali, enti museali. Collabora con diverse testate: dal 2010 con la redazione di Avellino de Il Mattino di Napoli, con cui ho firmato più di millecinquecento articoli, dal 2016 con Restoalsud.it e da due anni con Il Mattino di Foggia e con Eurocomunicazione.com. Coordina l’area Comunicazione per diverse aziende e figure politiche e istituzionali. Mediamente attratto dalle reti sociali, le utilizza soprattutto per ottimizzare il lavoro. Moderatore e relatore in molteplici convegni e corsi di formazione, è autore del saggio “Parole e crisi politica. Dal politichese all’economichese. Come cambia il lessico politico al tempo della crisi” (ilmiolibro.it, 2013), finalista del Concorso Letterario Nazionale Ilmioesordio Ha fondato e gestisce il progetto di comunicazione Velocitamedia.it.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top