Questo sito contribuisce
alla audience di

A Borgo Tufi, tra i borghi più premiati d’Italia con riconoscimento internazionale

Shares

A Borgo Tufi di Castel del Giudice (Isernia) domenica venti marzo, dalle ore 17.00, è di scena un evento che ne contempla in realtà due, la presentazione della Rivista D’Abruzzo – Edizioni Menabò e un Convegno che pone l’accento sul Valore della Cultura per la crescita turistica ed economica della Ruralità.

Nella Sala Conferenze, inserita nel contesto di ristrutturazione del Borgo per dare altra spazialità e creare affacci panoramici giocati con ampie vetrate, si svolgerà l’incontro/ presentazione con partecipazioni eccellenti per dare ulteriore visibilità e rilievo a un luogo che si pone in sintonia con l’intreccio armonico di cultura/ paesaggio/ attività di sviluppo- sempre in stretta collaborazione con il territorio e con i suoi abitanti.

Borgo Tufi, tra i borghi  più premiati a livello nazionale, con riconoscimenti anche europei, celebra proprio la  ruralità intesa non come un limite ma come una reale opportunità di crescita in toto. Sorprende questo luogo in terra molisana, con confine che si intreccia con l’Abruzzo, per la sua progettualità portata avanti da un amministratore attento e lungimirante, qual è il sindaco Lino Gentile in collaborazione con gli imprenditori Enrico Ricci e Ermanno D’Andrea.

L’incontro culturale, reso articolato e vario per le sue proposte ad ampio raggio, si avvale della presenza dell’Istituto Italiano Studi Filosofici, rappresentato dalla studiosa Esther Basile, dell’editore Gaetano  Basti, Edizioni Menabò e rivista D’Abruzzo, della giornalista e scrittrice Maria Stella Rossi, autrice dell’articolo Nelle Terre di Castel del Giudice pubblicato nel numero 112 della rivista D’Abruzzo .

Presenti, con i saluti istituzionali il sindaco Lino Gentile, l’Assessore alle attività produttive Carlo Veneziale, insieme con altre prestigiose partecipazioni quali Remo Gentile-Proloco Castel del Giudice, Giovanni Germano- Cammina Molise, Paolo Discenza- Associazione La Terra, Emilia Petrollini-Adiform, Sebastiano Di Rienzo-Museo SEBA  Capracotta, Franco Di Nucci -Rotary Club Agnone, Gabriella Marinelli- Rotary Club Isernia e Pontifica Fonderia Marinelli, Angela Caruso- Università di Chieti, Mauro Di Bello-Caffè letterario Livre Campobasso.

La serata si annuncia particolarmente ricca e coinvolgente anche per la lettura scenica dell’attrice Chiara Iannaccone, i brani musicali di Christian Di Fiore, zampognista, le proiezioni foto e video a cura dello Studio Di Paolo e la partecipazione straordinaria dell’attore di teatro, cinema, tv, Maurizio Santilli. Le videoriprese sono affidate a Rosy Rubulotta – Archivio dell’Istituto Filosofico, il coordinamento al giornalista Lino Santillo- caporedattore de Il Quotidiano del Molise.

A conclusione del pomeriggio culturale verrà offerto un aperitivo conviviale,   curato da Rosanna Donatelli, nell’Albergo Diffuso, accogliente e ospitale con i suoi locali coniugati tra pietra, legno, ferro, vetro,  con ampio terrazzo affacciante sul paesaggio e sui meleti che contornano e arricchiscono ulteriormente questo luogo che proprio nella coltivazione della mela biologica Melise afferma la sua vocazione agricola e produttiva.

Maria Stella Rossi

Giornalista e scrittrice con attenzione costante per la storia, i saperi della tradizione e quelli artistici della sua regione, il Molise, nella quale ha scelto di restare, vive in un borgo, Cerro al Volturno, paese a ridosso del Volturno, con castello turrito del XV sec. Autrice di volumi dal carattere storico-artistico quali Il Tombolo nel cuore di Isernia, libro che traccia attraverso l’oralità e le memorie locali la storia di un’arte manuale arrivata ad Isernia nel XV secolo; Le benedettine di San Vincenzo al Volturno( incentrato sulle figure umane, spirituali e culturali delle monache benedettine americane che hanno rifondato il cenobio dell’VIII sec.); Fornelli tra storia e tradizione; Parole canzoni preghiere ed altro in dialetto fornellese con cd di antichi canti e preghiere di fine Ottocento; ha contribuito alla scrittura delle guide turistico- culturali: Scapoli e il Museo della zampogna; Agnone e l’Alto Molise; Il tombolo di Isernia, una suggestione dal passato. Ha realizzato ( in collaborazione ) il Museo civico del Tombolo di Isernia; ha pubblicato la raccolta di racconti Guasti, il volume Alla corte di Valentino ( con Sebastiano Di Rienzo, sarto del noto stilista); scrive per la rivista D’Abruzzo, periodico di turismo- cultura- ambiente, per la rivista Il Ponte Italo-americano che si pubblica negli USA, per il giornale Il Quotidiano del Molise, per i magazine CriticArt e Enneti notizie teatrali e di cultura, per i giornali on line ecodelmolise, gambatesaweb, colibrimagazine, altosannio, teleaesse. Ha vinto il premio speciale di Giornalismo culturale nel 2004. Si interessa di critica d’arte e di cura di cataloghi d’arte. E’ stata nominata dalla Rete Italiana di Cultura popolare ( Torino), Cercatore di Tracce; è ideatrice, organizzatrice e promotrice di convegni, presentazioni e del premio letterario nazionale ( in collaborazione) L’Iguana- Castello di Prata Sannita –CE; ha ideato e realizzato dvd dal carattere artistico; componente di associazioni culturali per la valorizzazione e la diffusione della cultura locale e nazionale.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top