Alessandra Di Paolo, lo chef che sussurra al pane e scrive versi

Shares

Incontro Alessandra nell’Albergo Diffuso Borgo Tufi di Castel del Giudice dove, da qualche anno, esprime la sua professionale passione per la cucina.

Ho avuto modo di assaggiare alcune sue prelibatezze come i cantucci allo zafferano con gelato alla genziana. Ecco due elementi eletti della terra che, proprio a Castel del Giudice, segue la linea di confine tra Molise e Abruzzo.

Terre che vivono reinterpretate nella sua personale preparazione di piatti che nascono dall’osservazione del territorio. La cucina sin da bambina era il luogo più amato della casa per qualcosa che era già nel suo DNA di futuro chef.

Alessandra ha esplicitato la sua passione tra contraddizioni e ostacoli ma alla fine, anche se aveva seguito con profitto gli studi universitari, l’amore per la cucina diviene la dimensione espressiva per la sua piena affermazione. L’ incipit del percorso formativo, sostenuto dal padre, avviene con la frequentazione di un Corso regionale a cui aveva aderito il noto e apprezzato chef stellato Nico Romito che da poco aveva aperto il Reale nella Dimora cinquecentesca di Casadonna in Castel di Sangro.

Era il 16 novembre del 2013, una data che si carica di segni e presagi, quando ha inizio un periodo che sente come qualcosa che le stava cambiando la  vita. Così è stato perché Alessandra  supera le prove di ammissione al corso presso la rinomata Casadonna di Romito e da qui ha inizio il suo destino che, finalmente, combacia con quanto lei desidera.

Definisce i mesi trascorsi a Casadonna “ il periodo più bello della mia vita”, a cui seguirà la prima esperienza lavorativa nella Locanda Mammì, di Stefania Di Pasquo, in Agnone. Qui nasce anche un’amicizia con Stefania, che dopo qualche mese le lascia in mano la cucina della Locanda. Seguono esperienze lavorative e percorsi formativi, come quello nel Ristorante Villa Majella a Guardiagrele  e l’altro presso l’Expò di Milano, fino a quando, nel 2015, arriva a Castel del Giudice, presso l’Albergo Diffuso di BorgoTufi, dove ha inizio una nuova avventura lavorativa, con nuove responsabilità.

Il suo pensiero va spesso alla Scuola di Nico Romito che definisce “geniale, sempre in continua evoluzione con attenzione costante al territorio di provenienza, l’Abruzzo, e ai criteri immancabili di semplicità degli ingredienti, ricerca, storia, esplorazione dei sapori a cui dare massimo valore”.  Da Romito, Alessandra afferma con convinzione, “ho imparato tanto, mi è rimasto un modo di operare simile basato su studio, dedizione, sacrificio e soprattutto sul legame con la Terra”.

Alessandra di sé dice di essere coraggiosa – nella scelta di fare lo chef contro ogni difficoltà iniziale – e romantica. Scopro che scrive versi da tempo e che dialoga con i suoi piatti. Mi dice convinta: “Io sono il piatto, lì metto tutto di me” e soprattutto sussurra parole al pane “Io ci parlo con ingredienti quali acqua, farina, lievito: è questa la magia del pane”.

Nel Ristorante Ocrà FavolaMolisana di Borgo Tufi, con la presenza della manager Giusy Trapasso, di Vincenzo in sala e di Francesca in cucina, inizia una nuova fase di crescita e una nuova rinascita che gira intorno ai perni della creatività e dell’entusiasmo, dello sperimentare perché l’obiettivo finale è la felicità e il benessere di chi si siede a tavola e aspetta i suoi piatti come emozioni da assaporare.

Maria Stella Rossi

Giornalista e scrittrice con attenzione costante per la storia, i saperi della tradizione e quelli artistici della sua regione, il Molise, nella quale ha scelto di restare, vive in un borgo, Cerro al Volturno, paese a ridosso del Volturno, con castello turrito del XV sec. Autrice di volumi dal carattere storico-artistico quali Il Tombolo nel cuore di Isernia, libro che traccia attraverso l’oralità e le memorie locali la storia di un’arte manuale arrivata ad Isernia nel XV secolo; Le benedettine di San Vincenzo al Volturno( incentrato sulle figure umane, spirituali e culturali delle monache benedettine americane che hanno rifondato il cenobio dell’VIII sec.); Fornelli tra storia e tradizione; Parole canzoni preghiere ed altro in dialetto fornellese con cd di antichi canti e preghiere di fine Ottocento; ha contribuito alla scrittura delle guide turistico- culturali: Scapoli e il Museo della zampogna; Agnone e l’Alto Molise; Il tombolo di Isernia, una suggestione dal passato. Ha realizzato ( in collaborazione ) il Museo civico del Tombolo di Isernia; ha pubblicato la raccolta di racconti Guasti, il volume Alla corte di Valentino ( con Sebastiano Di Rienzo, sarto del noto stilista); scrive per la rivista D’Abruzzo, periodico di turismo- cultura- ambiente, per la rivista Il Ponte Italo-americano che si pubblica negli USA, per il giornale Il Quotidiano del Molise, per i magazine CriticArt e Enneti notizie teatrali e di cultura, per i giornali on line ecodelmolise, gambatesaweb, colibrimagazine, altosannio, teleaesse. Ha vinto il premio speciale di Giornalismo culturale nel 2004. Si interessa di critica d’arte e di cura di cataloghi d’arte. E’ stata nominata dalla Rete Italiana di Cultura popolare ( Torino), Cercatore di Tracce; è ideatrice, organizzatrice e promotrice di convegni, presentazioni e del premio letterario nazionale ( in collaborazione) L’Iguana- Castello di Prata Sannita –CE; ha ideato e realizzato dvd dal carattere artistico; componente di associazioni culturali per la valorizzazione e la diffusione della cultura locale e nazionale.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top