Questo sito contribuisce alla audience di

Bollino SIAE, novità all’orizzonte…. maggioranza di Governo permettendo.

Shares

Il 3 Aprile 2019, una proposta di legge d’iniziativa dei deputati Paolo Lattanzio e Alessandra Carbonaro (Movimento 5 Stelle) ha iniziato l’iter per giungere al completamento della liberalizzazione e riforma del settore della gestione del diritto d’autore, inclusa la vidimazione dei supporti fisici conosciuta come “Bollino SIAE”.

Un importantissimo passo avanti dopo la liberalizzazione a “metà” firmata Franceschini, all’epoca ministro dei beni culturali, che arrivò con la “Finanziaria 2017” dopo le sollecitazione di Bruxelles con la pubblicazione nel 2014 della direttiva 2014/26/UE sulla gestione collettiva dei diritti d’autore e dei diritti connessi e sulla concessione di licenze multiterritoriali per i diritti su opere musicali.

Questo importantissimo disegno di legge era atteso da anni visto che il “monopolio” della SIAE è entrato in vigore nel 22 Aprile 1941 con la legge n.633 sotto il governo Mussolini e che il settore non era ancora completamente “liberalizzato”.

Altre importantissime modifiche che la legge “Lattanzio-Carbonaro” prevede è che in mancanza di accordi fra la SIAE e le associazioni di categoria interessate saranno determinate, per quanto riguarda il compenso, tra il Presidente del Consiglio sentito il Ministro dei beni e delle attività culturali e non più il Ministro dell’Interno.

Oltre a questo accorgimento c’è anche la trasparenza mediante la pubblicazione sul sito delle società che si occupano o si occuperanno della tutela dei diritti d’autore, delle condizioni di adesione e di mandato e, nel proprio statuto, l’indicazione dei soggetti ai quali sono attribuiti incarichi di amministrazione, direzione, controllo e revisione e del valore economico dei diritti amministrati e del bilancio di esercizio.

Sempre tramite internet, le società avranno l’obbligo di garantire che i titolari dei diritti possano verificare costantemente, l’importo dei proventi acquisiti, la natura dei compensi maturati e l’ammontare della provvigione e delle spese trattenute dall’ente di gestione indipendente.

Però, come tutti sappiamo viste le vicende political show di cui è stata protagonista una parte della maggioranza che voleva “staccare la spina” a questo Governo, tutto sembra congelato e adesso non si può far altro che attendere un esito che non è ancora definito e definitivo per una liberazione e non solo liberalizzazione che si sta attendendo, ormai, da troppo tempo.

Salvatore Imperio

Salvatore Imperio, nato a Foggia il 14 Luglio 1982, appassionato di musica, Digital Journalism e social media. Blogger, fonda il sito di informazione dedicato esclusivamente alla musica indipendente “MIE Musica Italiana Emergente” in cui, insieme ad altri appassionati e ricercatori di musica, si occupa di raccontare e informare del vero fermento che la musica italiana sta vivendo. “La musica mi ha già salvato più di una volta e io non posso che raccontarla alla gente” questa è la visione che Salvatore Imperio ha in mente perché “non si può vivere di tormentoni e canzoni che non dicono niente”. Diplomato in Informatica, è iscritto al corso “Culture digitali e della comunicazione” del Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top