Questo sito contribuisce alla audience di

Chiedono la separazione e scoprono di non essere sposati

Shares
Sposati virtualmente

Si erano uniti in matrimonio. Con tanto di scambio degli anelli, cerimonia, festa e viaggio di nozze. Una coppia normale, normalissima. E come tante, a un certo punto della storia l’amore si è spento. E avevano intenzione di chiedere la separazione. Proprio in quel momento, però, hanno scoperto di non essere mai stati sposati. Almeno ufficialmente.

E’ l’incredibile storia accaduta a una “coppia” di Iglesias, raccontata dall’Unione sarda. I due si sono regolarmente sposati in Chiesa, ma la Curia non avrebbe mai trasmesso gli atti ufficiali al Comune. E così, proprio durante gli atti burocratici per la separazione, hanno chiesto l’estratto di matrimonio ma il Comune si è reso conto di non avere alcun atto.

Una beffa soprattutto per la donna, che ora – carte alla mano, anzi senza carte – non avrebbe diritto al mantenimento. L’avvocato della donna, Annarella Gioi, sta per avviare un procedimento, proprio contro la Curia, responsabile  – a suo dire – di non aver mai provveduto alla trascrizione degli atti del Comune, rendendo così giuridicamente non valida l’unione tra i due “sposi virtuali“.

Emilio Lanese

Collaboro con Primapress Agenzia di Stampa Nazionale, occupandomi principalmente del settore cultura. Per la stessa sono stato corresponsabile fanpage. Collaboro con Gosalute, per il quale svolgo le medesime mansioni. Ho lavorato per Lookout-tv.eu, Gotecno e mi sono occupato di Gomolise. Attualmente lavoro con la redazione di Restoalsud per la quale realizzo articoli e ne gestisco l’editing; mi occupo del settore salute e benessere di Gosalute per Tiscali e gestisco la piattaforma Thelemapress per l’inserimento di contenuti su Tiscali per Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top