Questo sito contribuisce alla audience di

Conte due, il Consiglio dei Ministri parla meridionale

Shares

Parla meridionale la riedizione del governo Conte. Ventuno ministri presieduti, tanto per cominciare, dall’avvocato originario di Volturara Appula, in provincia di Foggia.

Ci dispiace per il direttore di Libero Vittorio Feltri, ma oltre al presidente del Consiglio, in una singolare competizione sulla provenienza, Sud batte Resto d’Italia 11 a 10 (includendo anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, veneto di Montebelluna).

Partiamo da Luigi Di Maio, titolare della Farnesina, nato ad Avellino e cresciuto a Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli. Come lui, dalla Campania provengono Enzo Amendola (Affari europei, Napoli), Sergio Costa (Ambiente, Napoli) e Vincenzo Spadafora (Giovani e Sport, Afragola).

Con un poker di ministri, comanda dunque la Campania, seguita a ruota dalla Sicilia, che mette a segno un’ottima tripletta: Alfonso Bonafede (Giustizia, Mazara del Vallo), Nunzia Catalfo (Lavoro e Politiche sociali, Catania) e Giuseppe Provenzano (Sud, San Cataldo).
A seguire la Puglia, con due titolari di dicasteri: Francesco Boccia (Affari regionali e Autonomie, Bisceglie) e Teresa Bellanova (Politiche agricole, Ceglie Messapica). Doppietta rispettabilissima anche per la Basilicata, che piazza Luciana Lamorgese (Interno, Potenza) e Roberto Speranza (Sanità, Potenza).

Oltre a Fraccaro, nove, invece, i ministri provenienti dal Nord Italia. Dall’Emilia Romagna arrivano Dario Franceschini (Beni culturali, Ferrara) e Paola De Micheli (Infrastrutture e trasporti, Piacenza). Lorenzo Guerini (Difesa, Lodi) e Elena Bonetti (Pari opportunità e Famiglia, Asola) sono originari della Lombardia. Fabiana Dadone (Pubblica amministrazione, Cuneo) e Paola Pisano (Innovazione tecnologica, Torino) rappresentano la truppa piemontese, mentre Stefano Patuanelli (Sviluppo economico) viene da Trieste e Federico D’Incà (Rapporti col Parlamento) da Belluno.

Insomma, a voler fare una nota di colore potremmo dire che alle note differenze politiche si uniscono quelle idiomatiche. Magari a fare da pontieri, anche dopo la trattativa, potrebbero pensarci Roberto Gualtieri (Economia) e Lorenzo Fioramonti (Istruzione), “romani de Roma”.

Domenico Bonaventura

Domenico Bonaventura (Avellino, 1984), giornalista, comunicatore e saggista, vive e lavora tra Lacedonia, in Alta Irpinia, dov’è cresciuto, e Roma. Laurea Magistrale in Scienze Politiche – indirizzo Comunicazione politica, economica e istituzionale – presso la LUISS “Guido Carli” di Roma. Giornalista con una passione rovente per il calcio, la politica e le parole. Italiano e meridionale fiero e critico, una passione rovente per il calcio, la politica e le parole, ho gestito e gestisco diversi uffici stampa - campagne elettorali, manifestazioni culturali, enti museali. Collabora con diverse testate: dal 2010 con la redazione di Avellino de Il Mattino di Napoli, con cui ho firmato più di millecinquecento articoli, dal 2016 con Restoalsud.it e da due anni con Il Mattino di Foggia e con Eurocomunicazione.com. Coordina l’area Comunicazione per diverse aziende e figure politiche e istituzionali. Mediamente attratto dalle reti sociali, le utilizza soprattutto per ottimizzare il lavoro. Moderatore e relatore in molteplici convegni e corsi di formazione, è autore del saggio “Parole e crisi politica. Dal politichese all’economichese. Come cambia il lessico politico al tempo della crisi” (ilmiolibro.it, 2013), finalista del Concorso Letterario Nazionale Ilmioesordio Ha fondato e gestisce il progetto di comunicazione Velocitamedia.it.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top