Questo sito contribuisce
alla audience di

“Diedi 20 mila euro in nero a Fabio Cannavaro”

Shares
Fabio Canavaro

Respinge le accuse di riciclaggio e ammette solo di aver evaso le tasse. E racconta di aver versato 20mila euro al mese a Fabio Cannavaro quando l’ex capitano della Nazionale era suo socio in uno dei suoi ristoranti napoletani.

L’imprenditore Marco Iorio, uno dei principali imputati al processo su ristorazione e riciclaggio in corso a Napoli, ha fatto ieri in aula una lunga deposizione spontanea.
“Non ho mai utilizzato il milione e mezzo di euro che il pentito Lo Russo dice di avermi dato. Quell’uomo è fuori di testa”, ha detto deponendo davanti ai giudici della settima sezione del Tribunale (presidente Rosa Romano) al processo giunto ormai alle battute finali.

“A causa dell’inchiesta – ha detto Iorio, che è difeso dall’avvocato Sergio Cola – ho perso tutto quello che io e i miei familiari avevamo costruito in anni di lavoro. L’unica colpa che ho è quella di avere lavorato in nero: se avessi pagato le tasse mi sarei risparmiato molte sofferenze”.
Secondo l’imprenditore venivano retribuiti in nero anche i suoi soci, tra cui l’ex capitano della nazionale di calcio Fabio Cannavaro (“Ha detto che guadagnava mille euro al mese. Non è vero, ne guadagnava ventimila, tutti in nero”).

Marco Iorio ha anche fornito la sua ricostruzione dei rapporti personali e d’affari con Bruno Potenza, a sua volta imputato con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, e il suo legame di amicizia con Vittorio Pisani, ex capo della squadra mobile accusato di favoreggiamento, rivelazione di segreto, falso e abuso d’ufficio: “Da imprenditore scaltro ho pubblicizzato le mie frequentazioni con Pisani.

Quando cominciò a spargersi la voce che lui frequentava il Regina Margherita, tante brutte facce che prima avevo visto nel locale scomparvero”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top