Due premi Nobel meridionali agli esami di Stato. Finalmente

Shares

Lode alla ministra all’Istruzione Stefania Giannini: i temi di letteratura degli esami di Stato vertono su due premi Nobel meridionali: Grazia Deledda e Salvatore Quasimodo.

Mi fa piacere ammettere che mi sono sbagliato: dopo il mio ennesimo rimprovero, dalle pagine del “Mattino”, per l’esclusione, da quattro anni e per dictat ministeriale, dei poeti e autori meridionali dai programmi d’insegnamento nei licei della letteratura del Novecento, la ministra dette un’intervista a Marco Esposito e si impegnò a provvedere, perché l’epurazione razzista sia rimossa.

A compierla fu l’impresentabile ministra Gelmini, di arcoriana elezione, leghista di fatto, ma in Forza Italia; ma la avallò il presunto “tecnico” Francesco Profumo, che nel successivo governo Monti tentò anche di dividere la scuola in tre: del Nord, del Centro e del Sud (indovinate favorendo quale latitudine…); e la confermò la successiva ministra del Pd, Maria Grazia Carrozza, che emanò pure il decreto ammazza-università-meridionali, grazie a criteri latitudinari che pongono in cima alla lista delle università “migliori” (nel senso già detto) casualmente quella diretta da lei, a Pisa.

Dopo aver visto operare nella stessa direzione ministri, tutti del Nord, di centrodestra leghista, senza partito (ma abbiamo capito tutti come la pensa, vero Profumo?), e di centrosinistra, io all’impegno della Giannini credevo poco, anzi pochissimo, diciamo pure per niente.

Invece ho sbagliato. Lo riconosco e non potete immaginare quanto mi faccia piacere.

Ora due cose:

1) speriamo che gli insegnanti se ne siano fregati delle “indicazioni” razziste del ministero che hanno cancellato anche i premi Nobel per la letteratura, se meridionali, e abbiano parlato agli studenti di Deledda e Quasimodo.

Se no, speriamo che gli studenti abbiano provveduto magari da soli, giusto per scoprire quanto siano pericolosi questi scrittori meridionali, per costringere il ministero a non farli conoscere agli studenti. Perché, sugli esclusi ora i ragazzi stanno scrivendo…

2) la ministra Giannini ha ora un compito più gravoso: buttare nel luogo che merita il decreto ammazza-università-meridionali della Carrozza e vararne velocemente uno più equo, che ci faccia assomigliare a un Paese un po’ più civile, senza le scuole per i bianchi del Nord e quelle, da chiudere, degli abbronzati del Sud.

Perché a Sud, signora ministra, le università stanno già chiudendo i corsi, i professori se ne stanno andando (i migliori, s’intende) e gli studenti li hanno già preceduti nella fuga.

Un gesto lo ha appena fatto. Ora c’è un’opera di giustizia e civiltà che l’attende. Giuro che le porto i fiori.

Pino Aprile

È stato vicedirettore di Oggi e direttore di Gente, ha lavorato in televisione con Sergio Zavoli nell'inchiesta a puntate Viaggio nel sud e a Tv7, settimanale di approfondimento del TG1. È autore di libri tradotti in più lingue come Elogio dell'errore, Elogio dell'imbecille e Terroni. Conclusa l'esperienza di direttore di Gente si è occupato principalmente di vela e altri sport nautici, dirigendo il mensile Fare vela e scrivendo alcuni libri sul tema, come Il mare minore, A mari estremi e Mare, uomini, passioni. Nel marzo 2010 ha pubblicato il libro Terroni, un saggio giornalistico che descrive gli eventi che hanno penalizzato economicamente il meridione, dal Risorgimento ai giorni nostri. L'opera è divenuta un bestseller, con 250.000 copie vendute[1]. Per questo libro, il 29 maggio 2010, gli sono stati conferiti, fra gli altri, a Palermo il Premio Augustale, a Reggio Calabria il Rhegium Julii, ad Aliano il Premio Carlo Levi, ad Avezzano il Premio Marsica. Dal libro nasce lo spettacolo teatrale omonimo con l'attore Roberto D'Alessandro e musiche di Mimmo Cavallo. Per iniziativa di Marcello Corvino, della Promomusic, dagli ultimi tre libri di Aprile e dalle canzoni brigantesche e meridionaliste di Eugenio Bennato, è tratto il lavoro teatrale Profondo Sud, con cui i due autori hanno esordito l'estate del 2012. Nell'agosto 2011 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria di San Bartolomeo in Galdo; il 19 gennaio 2012, quella di Ponte, in provincia di Benevento, e il 1º febbraio 2012 quella di Laterza, in Provincia di Taranto e il 27 dicembre 2012 quella di Caccuri in provincia di Crotone. L'11 novembre 2011, a New York (Manhattan), in coincidenza con la presentazione dell'edizione americana di Terroni, ha ricevuto il premio "Uomo ILICA 2011" (Italian Language Inter-Cultural Alliance) e il 10 agosto 2012 si è aggiudicato il primo premio della prima edizione del Premio Letterario Caccuri dedicato alla saggistica.

Comments (5)

  • Avatar

    Franco

    20 Giugno 2014 - 12:43

    Ma è nelle università del Sud che si insegna a scrivere:
    la ministra dette un’intervista a Marco Esposito e si impegnò a provvedere, perché l’epurazione razzista sia rimossa.
    La consecutio temporum è di destra?

    Rispondi
  • Avatar

    sierragulf

    20 Giugno 2014 - 14:06

    Mi permetto sorvolare su tali sciocchezze sparse al vento del nulla.
    ;La scuola italiana…..soprattutto quella superiore…….è in grave sofferenza da molti annj…..troppi anni e non certo queste sparate da prima pagina la aiuteranno a dare una migliore immagine di se stessa……!!

    Rispondi
  • Avatar

    AnLu

    20 Giugno 2014 - 23:31

    sono disoccupata da 4 anni e diplomata con 100 ma a cosa mi serve un titolo di studio se non a fini personali?

    Rispondi
  • Avatar

    AnLu

    20 Giugno 2014 - 23:35

    Siergulf ha ragione la scuola ha dato posti di lavoro chi sà come…. a gente analfabeta e incapace di educare i giovani ad affrontare il mondo l’educazione condanna ad assumere atteggiamenti negativi di competitività e quant’altro e non ad una civilizzazione molare verso se’ stessi e il prossimo.

    Rispondi
  • Avatar

    Alberto Martelli

    21 Giugno 2014 - 09:22

    Cara AnLu, a giudicare da come anche Lei scrive, devo dedurre che il suo 100 sia un tantino esagerato…

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top