E-governance, il Comune di Bari premiato a Maastricht

Shares
Premio al Comune di Bari

Il Comune di Bari è stato insignito di un prestigioso riconoscimento europeo: si tratta di un certificato di buona pratica rilasciato dall’Istituto europeo delle Pubbliche amministrazioni (EIPA), nell’ambito dell’edizione 2017 del Premio europeo del Settore pubblico (EPSA2017).

Il premio, a cadenza biennale, ha l’obiettivo di premiare progetti di innovazione tecnologica realizzati da enti locali o regionali o centrali di tutte le pubbliche amministrazioni europee. Il progetto del Comune di Bari, dal titolo “Dall’e-government all’e-governance nell’area metropolitana di Bari”, descrive una soluzione innovativa per l’erogazione di servizi digitali in forma associata tra tutti i Comuni dell’area metropolitana, e il successivo monitoraggio degli stessi.
La Commissione del premio ha esaminato e valutato circa 150 progetti di 30 Paesi europei, 33 dei quali hanno ottenuto il riconoscimento di buona pratica europea. Di questi, 12 sono riferiti a pubbliche amministrazioni locali, tra cui quello del Comune di Bari. L’Italia ha partecipato con 8 candidature, ma solo il Comune di Bari ha ottenuto il riconoscimento.

Il premio è stato assegnato, durante una cerimonia tenutasi a Maastricht, al direttore della ripartizione Innovazione tecnologica del Comune di Bari e responsabile del progetto Antonio Cantatore e a Valerio Summo, funzionario della stessa ripartizione e curatore della candidatura.

“Un ulteriore riconoscimento che il Comune di Bari ottiene – commenta l’assessore all’Innovazione tecnologica, Angelo Tomasicchio – questa volta su scala europea. Invito tutti i cittadini a registrarsi sulla piattaforma egov.ba.it per scoprire di persona con quanta facilità sia possibile ottenere certificati e inviare richieste alla PA comodamente da casa senza perdere tempo agli sportelli”.

Il progetto combina di fatto due tra i principali progetti di innovazione tecnologica del Comune di Bari, che riguardano rispettivamente l’offerta di servizi online di eGovernment al cittadino e imprese e il monitoraggio dell’uso che di tali servizi viene fatto, insieme alla raccolta di numerosi altri dati nei domini dell’ambiente, energia e sicurezza, per il controllo della città nell’ambito della strategia complessiva di Bari Smart City.

Da un lato, dunque, si spinge verso una digitalizzazione completa delle interazioni tra cittadini, imprese e Comune (“e-government”), e dall’altro si rilevano grandi quantità di dati (big data) circa l’uso che i cittadini fanno di questi servizi, le abitudini, i profili, la provenienza, mettendoli in relazione anche con dati apparentemente non correlati, per produrre informazioni e analisi fondamentali per monitorare e governare meglio la città (“e-governance”).
Il progetto sarà pubblicato nell’edizione del volume EPSA che raccoglie le migliori pratiche premiate a Maastricht.

Monica Surace

Nata a Reggio Calabria il 20/07/1976 residente a Campobasso dal 2000 iscritta all’Ordine dei Giornalisti Regione Molise dal 2006 – Categoria Pubblicisti Collaboro con l’emittente televisiva TLT Molise in qualità di giornalista: lettura telegiornale, redazione di servizi, pianificazione palinsesto ed interventi diretti in format politici, economici. Direttrice del sito Lexgenda.it - a carattere prevalentemente giuridico. Giornalista per Tiscali – area Nord. Addetta stampa per campagne di promozione specifiche per aziende. Curatrice di uffici stampa politici Ho lavorato: - come responsabile di redazione per il Molise a Il Sannio Quotidiano - come giornalista per il Molise a Il Tempo - come giornalista a La Gazzetta del Molise e Campobassoweb - come giornalista a il Roma – Salerno - responsabile della comunicazione di progetti dell’ufficio Presidenza del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d'Europa a Strasbrurgo - Referente progetti comunitari di gruppi politici regionali

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top