E i Bronzi di Riace si mettono il tanga. Ecco gli scatti dell’allievo di Andy Warhol

Shares

Dal giorno in cui, nell’agosto del 1972, hanno lasciato il fondale del mare Ionio dopo circa 2000 anni in acqua, i Bronzi di Riace – dal nome del centro del reggino in cui vennero scoperti – sembrano non trovare pace. Ciclicamente intorno a loro scoppiano le polemiche sulla sede in cui collocarli o sull’opportunità di mandarli in giro per il mondo, novelli ambasciatori delle bellezze italiche.

E adesso arrivano le foto kitsch. A ritrarli con tanto di tanga leopardato, velo da sposa e boa color fucsia è stato un artista della fotografia, Gerald Bruneau, allievo di Andy Warhol, reporter per importanti testate italiane e straniere, autore di campagne pubblicitarie, con all’attivo mostre personali e collettive e non nuovo a simili “imprese“, come quando avvolse in un tulle rosso fiammante la Paolina Borghese in vetrina nella Galleria Borghese a Roma.

Il “blitz” di Bruneau nel Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria, dove sono ospitati i Bronzi, risale al febbraio scorso, ma solo adesso le foto sono uscite, pubblicate dal sito Dagospia, rimbalzando su web e social network. Foto realizzate senza autorizzazione, tiene a precisare la soprintendente ai Beni archeologici della Calabria Simonetta Bonomi, da cui dipende il Museo.

Bruneau, riferisce la Bonomi, in occasione di una kermesse organizzata dalla Regione nel febbraio scorso con fotografi provenienti da tutto il mondo, le aveva prospettato una foto simile a quella della Paolina, con un tulle bianco sistemato dietro le spalle di una delle due statue. “Avendo visto la foto di Paolina, che mi era piaciuta molto, dissi sì“, ricorda la soprintendente. Ed anche il primo scatto di Bruneau ai Bronzi, con lo sfondo bianco, le era piaciuto. Ma tutte le altre foto “sono state fatte a mia insaputa“, specifica, definendole “terribili“, e ricordando che i custodi erano intervenuti per bloccare l’artista senza riuscire ad impedirgli di realizzare comunque alcuni scatti.

E’ curioso – dice adesso la Bonomiche vengano fuori proprio nei giorni in cui c’è la solita polemica sull’eventuale trasferimento. Sembra quasi una cosa orchestrata“. E sulla possibilità che i Bronzi possano muoversi per andare all’Expo o in qualunque altra parte del mondo, Simonetta Bonomi, è netta. “Spostarli – dice – vuol dire assumersi una grande responsabilità. E’ un rischio. Hanno 2500 anni, 2000 dei quali trascorsi sotto l’acqua. La loro struttura è fragile anche da un punto di vista meccanico e non solo chimico-fisico“. A Reggio Calabria vivono in una sala tutta per loro con temperatura e umidità tenute costantemente sotto controllo e i visitatori entrano solo dopo avere trascorso 20 minuti in una sala di filtraggio. Il rischio maggiore, spiega la Bonomi, è la corrosione ciclica che “può essere innestata anche da un piccolo incidente climatico e una volta partita è difficile da fermare perché si manifesta all’interno, quindi più difficilmente individuabile“. “E comunque – chiosa Simonetta Bonomi – nessuno ce li ha ufficialmente chiesti e l’Expo non è Milano, ma un’iniziativa che punta a valorizzare l’immagine di tutta l’Italia“.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Emilio Lanese

Collaboro con Primapress Agenzia di Stampa Nazionale, occupandomi principalmente del settore cultura. Per la stessa sono stato corresponsabile fanpage. Collaboro con Gosalute, per il quale svolgo le medesime mansioni. Ho lavorato per Lookout-tv.eu, Gotecno e mi sono occupato di Gomolise. Attualmente lavoro con la redazione di Restoalsud per la quale realizzo articoli e ne gestisco l’editing; mi occupo del settore salute e benessere di Gosalute per Tiscali e gestisco la piattaforma Thelemapress per l’inserimento di contenuti su Tiscali per Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

One comment

  • Vincenzo

    5 Agosto 2014 - 08:59

    Per farsi pubblicità… fanno le cose più pazze… Occorre maggior rispetto per opere d’arte come i Bronzi di Riace (li ho visti in esposizione a Roma, poco tempo dopo che erano stati “ripescati”, e ne rimasi colpito ed emozionato…). E’ assurdo pensare che la direzione del Museo non fosse al corrente di questa carnevalata.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top