Questo sito contribuisce alla audience di

Il 2019 sarà l’anno del 5G?

Shares

L’ultima rassicurazione è firmata Luigi Di Maio. “Il Governo ha messo in campo una strategia per affrontare i rischi legati allo sviluppo delle reti 5G, che non vengono sottovalutati. Presso il Mise è stato attivato il Centro di valutazione e certificazione nazionale con il compito di verificare le condizioni di sicurezza dei sistemi destinati alle infrastrutture strategiche e poi c’è l’irrobustimento del Golden power che viene incontro alle preoccupazioni espresse dagli Usa sulle aziende cinesi”. È questo – stando a quanto ha ripreso l’ANSA  – ciò che riferito il vicepremier Luigi Di Maio, ascoltato dal Copasir.

Che cos’è il 5G?

E proprio perché il 2019 viene inteso come un anno che potrà dare una svolta, cerchiamo di capire concretamente cos’è il 5G.

Il 5G, la quinta generazione di connessione mobile è una delle innovazioni tecnologiche più importanti degli ultimi anni, destinata a cambiare radicalmente il nostro modo di connetterci a internet. La nuova generazione sarà 20 volte più veloce del 4G, con una velocità di download fino a 10 volte superiore a quella di oggi.

Cosa cambierà con il 5G?

Le potenzialità sono numerose: realtà aumentata, connettività, sensoristica e l’entrata definitiva dell’Internet of Things (l’Internet delle cose o IoT) nel quotidiano, creando una totale interconnessione tra oggetti, rete e utenti. In Italia la sfida per la copertura 5G si è conclusa con in testa TIM e Vodafone, seguite da Wind-Tre e Iliad: le prime sperimentazioni sono attese per metà 2019, con un debutto ufficiale previsto per il 2020.

Come funziona il 5G

Le implicazioni del 5G andranno oltre il singolo utente: l’Industria 4.0 ha già iniziato a sviluppare nuove tecnologie e strutture come le serre smart, in grado di regolare le coltivazioni autonomamente in base alle condizioni climatiche esterne, o le operazioni chirurgiche a distanza (possibili grazie a un controllo remoto stabile ed estremamente preciso). Un giro d’affari enorme quello del 5G, con introiti stimati, per il 2026, pari a 1307 miliardi per settori industriali come agricoltura, healthcare, trasporti, media, intrattenimento, automotive, retail, financial, sicurezza e industria manifatturiera (dati dell’ultimo rapporto Ericsson).

Anna Laura Maffei

Giornalista, blogger ed esperta di comunicazione, scrive di sociale, di innovazione e di cultura. È communication manager di Digital Media, service giornalistico di Tiscali.it e main partner di RestoalSud.it, portali d’informazione per i quali scrive i suoi articoli. È stata responsabile comunicazione e web content writer di un’agenzia Marketing e Comunicazione per PMI e Startup. Si occupa, come freelance, dell’organizzazione di eventi legati al mondo dell’associazionismo e della cultura e svolge attività di ufficio stampa. Ha collaborato con diverse testate informative, rigorosamente “all digital”, tra cui Gosalute.it, TerzoSettore TV e Look Out TV, quest’ultima tra le web tv di riferimento nell’ambito del racconto delle culture, diretta da Claudio Martelli, di cui dal 2015 è project manager.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top