Il Gran finale doveva essere e gran finale è stato per il 65° Carnevale di Manfredonia che, dopo tre intese settimane di Gran Parate ed eventi tutti da sold out, si è concluso con il “Galà delle Premiazioni” presso il Teatro “Lucio Dalla”.

La kermesse sipontina, dopo lo straordinario en-plein della Notte Colorata di sabato (con diverse decina di migliaia di persone ad invadere il Lungomare per la Gran Parata, il centro storico e Piazza Papa Giovanni XXIII per “Lo show” sino a tarda notte), ha vissuto una serata dedicata alle maestranze del Carnevale.

Nel corso della serata sono stati conferiti anche dei Premi speciali come quello “Digitaly – Restare per Innovare” che “Tiscali” (rappresentata da Roberto Zarriello, Responsabile delle News regionali) ha conferito a “Smart Launcher” (azienda con sede a Manfredonia specializzata nella creazione di app per dispositivi Android, che registra più di 50milioni di download in tutto il mondo), quello “Per chi non smette di crederci…mai” conferito da Saverio Mazzone – Amm. Unico dell’Agenzia del Turismo, dal sindaco Angelo Riccardi e dal “guitto sipontino” Franco Rinaldi al Gruppo Speleologico di San Giovanni Rotondo (per la “Calata dall’alto di Siponta” nel giorno di arrivo di Ze Peppe in città), ad “Arte in Arco” (per la rievocazione storica della “Socia”), alla “Uisp” (per l’organizzazione degli eventi sportivi), alla “Paser” (per il coordinamento dei volontari del Piano “Safety&Security”), a Ciro Murgo (per la collaborazione nella realizzazione di “That’s all Folk”), a Matteo Borgia (per la collaborazione alla realizzazione dei fantocci in paglia di Ze Peppe) e a Matteo Nuzziello (per la passione e l’entusiasmo dimostrati nel divulgare, attraverso i suoi scatti fotografici, la bellezza di Manfredonia e delle sue peculiarità). Insigniti di un Premio per il “Talento sipontino” anche il “Coworking Smart Lab” ed Osvaldo Fatone, astro nascente internazionale del pianoforte che ha incantato la platea con due intermezzi musicali.

Cuore del “Gran Galà” il fatidico momento dei verdetti. Il primo è stato quello relativo alle dieci aspiranti “Principesse del Carnevale” (coordinate dalla Scuola di Arti sceniche My Dance di Rita Vaccarella; acconciature curata da Matteo Iaconeta; abiti a cura della stilista Gabriella Zoccano). Il titolo di più bella ed elegante è andato a Melissa Salvemini, affascinante 18enne studentessa di Manfredonia (che si aggiudica un outfit della boutique di Barbara Riccardo di Manfredonia).

Per quello che concerne le classifiche degli Istituti scolastici in concorso, il verdetto è stato il seguente: vittoria al “Galilei\A.Moro” – “Dracarys: i liceali infiammano il carnevale”; secondo posto per il Liceo A. G Roncalli – “Tutto torna… Roncalli mai fuori moda” e terzo per l’ I.t.e. G.Toniolo – “Avatar”. Calato il sipario su una memorabile edizione, l’appuntamento è già per la n.66 in programma dal 17 gennaio al 10 marzo 2019.