Perché i colleghi della Fiat di Nola hanno disertato il funerale di chi combatteva per loro

Shares

Una commovente lettera-commento che riceviamo e pubblichiamo:

L’ultimo saluto ad una amica e collega.

Si è tolta la vita l’operaia anti-suicidi della Fiat.

Cosi è stata definita.

Maria in un’intervista dopo il suicidio di un altro nostro collega disse:

“Dal mio terrazzo vedo la Fiat e penso che lì ho speso 20 anni della mia vita”

“Non si può continuare a vivere per anni sul ciglio del burrone”.

Ieri i suoi funerali, gli amici di lavoro eravamo li, ma anche in questa triste occasione eravamo in pochi, mi sarei aspettato la presenza di colleghi della finizione visto che entrambi lavoravamo lì, e di rappresentanti dei lavoratori di Fim, Fiom, Uilm , di Fiat almeno in segno di rispetto nei confronti di una persona che aveva compiuto un tale gesto, ma niente, anche in quell’occasione eravamo solo noi di Nola e tre amiche di Pomigliano, gli stessi che eravamo al funerale di Pino D.C. altro collega che si tolse la vita.

Eppure a parole sono stati in tanti a dimostrare la loro solidarietà, ma nei fatti anche nel suo ultimo viaggio ad accompagnarla un gruppo di amici di Nola, sono stati loro che hanno voluto portare la sua bara, non so se la loro assenza sia dovuta a rimorsi a sensi di colpa, o semplicemente a disinteresse…

Una partecipazione commovente e intensa, forse ancora incredula per la notizia scioccante da molti appresa con sgomento in maniera del tutto imprevedibile.

Ricordo la bellezza dei suoi versi che amava scrivere, la sua unica arma era la sua penna, ma la vita cambia quando le certezze vengono a mancare, quando altri giocano con la tua pelle, quando decidono della tua vita, quando chi con le sue azioni ti conduce sull’orlo della disperazione, del baratro.

Ti trasformano non solo mentalmente e nello spirito, ma anche fisicamente, ricordo quando sei entrata in Fiat eri un fiore capelli Biondi portamento fiero e dignitoso, ed è proprio così che ti ricorderemo, perché sarai sempre con noi e continueremo la tua lotta, la nostra lotta per riavere giustizia.

La tua è stata una morte provocata, si proprio così, provocata da chi in questi anni ci ha escluso dal mondo del lavoro, isolandoci e distruggendoci all’interno, da chi con le sue complicità ha permesso che ci violentassero e ci distruggessero, sono complici di un “delitto”, questi signori dovrebbero essere processati per “istigazione al suicidio”.

Basta se avete un po’ di dignità, di rispetto della vita umana, dovete fermarvi, dovete porre fine a queste stragi. Dopo tutto non chiediamo altro di rientrare nella nostra fabbrica, di essere uguali agli altri, di poter avere un po’ di giustizia e di non essere discriminati.

Dopo tutto chiediamo di poter continuare a vivere in modo dignitoso, noi non vogliamo sussidi o essere mantenuti, noi vogliamo essere trattati come tutti gli altri lavoratori Fiat di Pomigliano.

Siamo stanchi di assistere ai nostri funerali,

ciao amica mia, sarai sempre con noi…

Tommaso Pirozzi

Comments (6)

  • Avatar

    Seby Rahel

    29 Maggio 2014 - 10:51

    Che tristezza quest’Italia, morta nelle fabbriche, incapace di reagire. Un Italia succube di pochi personaggi senza scrupoli che lucrano sulla vita degli altri, un Italia incapace di solidarizzare con i propri colleghi che lottano per loro, per mantenere la propria dignità. A cosa si sono ridotti uomini e donne? A servili esecutori di un ordine, qualunque esso sia, pur di non dispiacere ad altri uomini o donne come loro a cui una gerarchia fatta da altri uomini e donne, gli ha fornito il bastone del comando? Questa rassegnazione, questo vendersi per pochi soldi, rinunciando alla propria dignità di tutte questi soggetti che hanno dimenticato che prima che lavoratori sono persone (soggetti di diritto), mi fa venire il vomito!

    Rispondi
  • Avatar

    Sergio S

    29 Maggio 2014 - 11:33

    Seby, tante… tutte concentrate in 8 righe non le avevo mai lette in vita mia. Complimenti per questa melliflua retorica da quattro soldi. Raggiungi al più presto un qualche Paradiso lontano dal Capitalismo brutto e cattivo e lì finalmente ti passerà anche l’stinto di vomitare

    Rispondi
  • Avatar

    max

    29 Maggio 2014 - 14:12

    Ce l’avranno sulla coscienza…

    Rispondi
  • Avatar

    Roberto Iacobone

    29 Maggio 2014 - 17:15

    Magari sono quegli stessi operai… Quelli che come tanti zombie, camminano con la testa china, “verso il viale” della Fiat, ogni mattina, ogni notte, col timbro rosso sul sedere, come pecore da macello. Non per niente, si chiama la strage degli agnelli. Guarda caso.
    …..
    Complimenti!

    Rispondi
  • Avatar

    sergio

    29 Maggio 2014 - 18:24

    Seby , nel tuo commento di 8 righe è contenuta una melliflua retorica da 2 soldi. Se il Capitalismo è così brutto e cattivo, perchè non raggiungi un Paradiso socialista in qualche parte del mondo dove, forse, ti passerà anche il vomito.
    PS. Continuate pure a censurare……

    Rispondi
  • Avatar

    umberto

    30 Maggio 2014 - 08:24

    Seby, complimenti per il tuo commento, mostra il vero senso della realtà e quello analitico dell’attualità sociale, ma hai dato il meglio quando hai stimolato l’esternazione del solito saccente; ma è meglio ignorare gli ignoranti.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top