Problem solving, a San Severo c’è “Odasc”, la sfida scientifica tra studenti

Shares

E’ la più grande competizione scientifica nazionale in cui 160 studenti, di 40 licei scientifici di tutta Italia, si sfideranno in una gara di problem solving riguardante uno dei seguenti ambiti: Astronomia, Biologia, Chimica, Fisica e Informatica.  E’ l’appuntamento promosso dall’associazione Agorà-Scienze Biomediche, in collaborazione con il Comune di San Severo e la Regione Puglia, che ha organizzato un’importante e innovativa competizione scientifica: ODASC (One Day Agorà Science Contest) si terrà l’8 e 9 febbraio 2020, presso il palasport “Falcone e Borsellino” di San Severo (FG).

La gara

Ogni scuola partecipa per un solo ambito, con un team di 4 studenti con competenze specifiche (oltre a quelle per l’ambito per il quale si partecipa, sono necessarie anche competenze nella comunicazione e nella grafica digitale). La gara sarà strutturata in forma di maratona: i ragazzi dovranno rimanere all’interno del palasport per 24 ore, per risolvere il problema assegnato dagli scienziati. Avranno la possibilità di documentarsi in rete e dovranno produrre una soluzione teorica nonché una presentazione video-grafica ed orale”.

I giudici

La manifestazione, condotta dalla dott.ssa Paola Catapano (giornalista scientifica e conduttrice televisiva della RAI), sarà presieduta dall’illustre prof. Silvio Garattini (direttore e fondatore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”). I giudici di gara saranno 5 illustri scienziati di fama internazionale:

– per l’Astronomia, la prof.ssa, Patrizia Caraveo (ex direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano, nonché divulgatrice scientifica).

– per la Biologia, il dott. Francesco Colotta (Direttore Generale della Ricerca dell’Istituto Humanitas di Milano).

– per la Chimica, il prof. Vincenzo Barone (noto chimico e accademico italiano, direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa fino a qualche mese fa).

– per la Fisica, il prof. Valerio Rossi Albertini (docente di Fisica all’Università Tor Vergata di Roma, nonché noto personaggio televisivo nell’ambito della divulgazione scientifica e della fisica).

– per l’Informatica, il prof. Domenico Laforenza (informatico, direttore dell’Istituto di Informatica e Telematica del CNR, nonché presidente dell’European Research Consortium for Informatics and Mathematics).

Gli elaborati verranno esaminati dai giudici di gara e, al gruppo vincitore, verrà assegnato un premio da 10.000 euro.

Le finalità

«Già da tempo stavamo pensando ad un evento scientifico che potesse coinvolgere studenti appassionati, provenienti da tutta Italia – dichiara il presidente di Agorà, dott. Antonio Tucci -. One Day Agorà Science Contest (ODASC) si propone di incentivare e premiare l’entusiasmo dei giovani verso la scienza, educandoli al lavoro di squadra. Non nascondo, però, che se l’evento dovesse riuscire bene e il territorio e le istituzioni ci daranno una mano, si potrebbe pensare d’istituire un evento a cadenza annuale, di calibro nazionale, unico nel suo genere: una sorta di “Sanremo della Scienza”. Quest’anno siamo riusciti a portare a San Severo 40 gruppi di studenti, accompagnati da docenti, provenienti da quasi tutte le regioni d’Italia. E non è poco!».

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top