Questo sito contribuisce alla audience di

Salernitana-Foggia e la giocata “Vitale”per i granata

Shares

Inusuale assistere a una gara in cui due squadre si presentano dopo aver entrambe sostutituito in settimana il proprio allenatore per dare una sterzata in termini di rendimento. Da Salernitana e Foggia ci si aspettava una partita piu’ spregiudicata e coraggiosa, se non altro perché solitamente il cambio tecnico nel primo periodo resetta tutte le dinamiche di spogliatoio e sprona i giocatori a dare il massimo agli occhi del nuovo trainer per cercare di ridisegnare o confermare le gerarchie tecniche precedenti. In vero il Foggia affrontava il match con una situazione di risultati nell’immediato sicuramente meno deficitaria dellla Salernitana: il Foggia veniva da una vittoria mentre la Salernitana da ben quattro sconfitte nelle ultime cinque gare.

E in effetti appariva evidente questa leggera differenza, a livello mentale, nell’atteggiamento delle due squadre nel primo tempo, atteggiamento ovviamente accentuato dalle differenze di assortimento tecnico e inquadramento tattico delle due compagini. In parole povere il centrocampo a tre dei granata, schierati con il 5-3-2, appariva assolutamente lento e privo di geometrie rispetto a quello del Foggia schierato con il 4-3-3 in cui Agnelli dettava geometrie e tempi per una manovra decisamente più fluida ed efficace in termini di possesso palla, rispetto a quella granata. Il tutto veniva condito da un atteggiamento eccessivamente privo di propositività e coraggio della Salernitana.

Ne usciva fuori un primo tempo con buon dinamismo del Foggia ma privo di grandi spunti rilevanti ad eccezione di una conclusione insidiosa di Kragl e un’occasione d’oro sui piedi di Bocalon, divorata dinanzi al portiere dauno.

Il Secondo tempo parte diversamente per i granata che, specie con l’ingresso di un ispirato Rosina, acquisiscono brio coraggio e geometrie più efficac9i. Ma il Foggia regge bene il campo limitando la verve granata e sfiorando la realizzazione con Iemmello che si lascia ipnotizzare da Micai. Tuttavia l’episodio che cambia definitivamente la gara è l’espulsione di Gervo per doppia ammonizione (probabilmente non sostituito dopo la prima ammonizione perché sino a quel momento uno dei migliori in campo).

Il Foggia seppur cercando di non rinunciare alla solita costruzione inevitabilmente si abbassa e la Salernitana chiude in crescendo sino a un pericoloso tiro di Jallow destinato al set senza l’intervento di Bizzarri e alla  gran giocata di Vitale che regala ai granata la vittoria.

Nel complesso in ogni caso si sono intraviste due squadre che, seppur con differenti caratteristiche, appaiono destinate solo a crescere, perché entrambe dotate di un organico di rispetto per la categoria  (anche se con problemini da risolvere a livello tattico e mentale ) ed entrambe supportate da un pubblico appassionato e caloroso, in grado di fare sempre la differenza (specie se il trend dei risultati diventa positivo e continuo).

Leonardo Imparato

Classe 1974, Laureato in giurisprudenza ,ex calciatore dilettante (Alma SA C5),da sempre appassionato e stimolato dall'esperienza calcistica di allenatore ,dal 2010 ha conseguito con il Diploma di allenatore FIGC-UEFA B .Ha allenato In diverse società dilettantistiche sia in settori giovanili che in prima squadra in Campania. Dalla stagione 2013-2014 è stato scelto dalla Federazione italiana Gioco Calcio quale Allenatore Rappresentativa FIGC a Salerno (cat.Allievi), incarico attualmente in essere. Ha seguito allenamenti di numerosi allenatori professionisti tra i quali Delio Rossi, Zdeneck Zeman, Roberto Breda per trarre spunto e confronto al fine di migliorare la propria metodologia di lavoro.Ha partecipato a diversi stage, seminari e master calcistici professionali.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top