L’on. Michaela Biancofiore di Forza Italia ha detto che il voto a luglio è un problema solo per il nord, perchè al sud la gente non va in vacanza. In moltissimi si sono arrabbiati con lei, ma secondo me in qualche modo ha ragione, ecco alcune cose che mi sento di dirle.

MEZZ’ORA. Io sto sempre in vacanza. Quando finisco le mie 10 ore al giorno di lavoro (eh si, purtroppo non sono mica parlamentare) in mezz’ora di macchina posso scegliere tra mare, collina, montagna, borghi medioevali, siti preistorici, terme, spa e tantissimi altri posti da visitare. Che ci vado a fare in vacanza all’estero? E poi le ha viste le ragazze del sud?

IL TURISMO. Molti miei corregionali vanno in vacanza ma non a luglio o ad
agosto. Ha presente gli chef, i camerieri e gli animatori che lavorano nelle strutture del sud che ospitano i turisti del nord? Ecco, senza di loro fareste le ferie mangiando i panini che vi siete portati da casa, come nelle gite parrocchiali…

LE STRADE. Dalle parti mie le strade sono quelle inaugurate nel dopoguerra,
i treni veloci li vediamo solo nei film e gli aeroporti sono così lontani che per raggiungerli dovrei prendere l’aereo. In pratica, se volessi fare una settimana di vacanza al nord o all’estero ne passerei la metà in viaggio…

UNA SOLUZIONE. Comunque io un soluzione per metterci alla pari coi “nordici” ce l’ho. Date a tutti i meridionali un bonus per andare in vacanza durante le elezioni, chi vuole lo usa e chi preferisce votare resta a casa. Dite che costa tanto? Ad occhio e croce molto meno della flat tax…

P.S. Mentre sto per pubblicare l’articolo leggo la deputata ha precisato la sua dichiarazione citando l’Istat, inoltre sarebbe vicino l’accordo di Governo tra M5S e Centro-Destra. L’hanno già proposta la Biancofiore Ministro per il Sud? Come li conosce lei i problemi del Mezzogiorno…