Beni confiscati alla mafia assegnati all’Arcigay

Shares

Due immobili confiscati alla mafia, situati in due frazioni costiere di Messina, Acqualadroni e Mili Marina, sono state assegnati all’associazione Arcigay Messina Makwan.

In esse sarà realizzato un pronto soccorso sociale ed un centro di accoglienza per persone in difficoltà.

Il segretario nazionale dell’Arcigay, Gabriele Piazzoni, ha affermato: “E’ la prima volta che beni confiscati alla mafia sono assegnati alla nostra associazione. Ed è un fatto importante che testimonia un lavoro culturale importante, che da anni sta cambiando il volto della Sicilia. Per un riscatto degli stereotipi e dei pregiudizi.”

Piazzoni ha ringraziato il sindaco di Messina ed ha definito la Sicilia il cuore del Mediterraneo, che in termini di accoglienza e generosità, sta dando una lezione a tutta l’Europa.

 

La conferenza di presentazione si terrà l’8 aprile 2016 alle 10, al Teatro Vittorio Emanuele, di Messina. Ad essa parteciperanno, oltre al sindaco Accorinti, il presidente nazionale dell’Arcigay Flavio Romani ed il senatore del Pd Sergio lo Giudice.

Gioviana Tedeschi

Gioviana Tedeschi, giornalista pubblicista di Lucera (Fg). Attualmente addetto stampa e responsabile del Fondo Ambiente Italiano, Gruppo FAI Lucera, e di una rubrica pubblicitaria sul web. Corrispondente per emittenti locali, vicina al mondo della sensibilizzazione, prosegue la sua formazione scientifica presso l'Università degli Studi di Foggia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top