Finanziamento a chi gestisce beni confiscati alla ‘ndrangheta

Shares

Un gesto importante sul piano della lotta alla ‘ndrangheta arriva dai vertici del governo calabrese.

In una conferenza stampa svoltasi a Catanzaro il presidente della commissione speciale per la lotta alla ‘ndrangheta, Arturo Bova, con il consigliere con delega all’agricoltura D’Acrì, hanno annunciato fondi in arrivo per le cooperative e società che gestiscono beni confiscati alla criminalità organizzata.

Si tratta di un primo piccolo intervento, di 300.000 euro, ma di un gesto importante per dare un segnale d’incentivazione ad un’azione sociale.

Il termine sarà aperto il 21 marzo del 2016 ed è destinato a coloro che gestendo beni confiscati, hanno avuto danni con attentati ed intimidazioni.

D’Acri ha dichiarato che i beni confiscati vanno ben utilizzati e che questi soldi di bilancio sono l’inizio di un percorso.

Giuseppe Lanese

Giornalista professionista, comunicatore e formatore. E' tra i fondatori di Restoalsud e caporedattore della stessa testata. E' responsabile cultura dell’agenzia di stampa nazionale Primapress. Ha curato dal 2009 al 2015 il blog "Parole e Musica" di Repubblica.it. Attualmente scrive e realizza video interviste per Tiscali.it sui temi della cultura e dell'innovazione e, sempre per Tiscali, si occupa del coordinamento nazionale della rete news delle regioni. Collabora con l'Università Telematica Pegaso per il corso di "Comunicazione digitale e Social Media" come cultore della materia ed è responsabile comunicazione dell'Ufficio Scolastico del Molise.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top