Il clan dei casalesi è stato sconfitto. Ma lo Stato non ha vinto

Shares

Antonello Ardituro è componente del Consiglio Superiore della Magistratura, dopo essere stato per dieci anni Sostituto procuratore presso la Direzione distrettuale antimafia di Napoli. In magistratura dal 1997, si è principalmente occupato di indagini sugli affari illeciti e le infiltrazioni nell’economia e nelle istituzioni del clan dei casalesi, che hanno coinvolto consiglieri regionali e amministratori locali, imprenditori, colletti bianchi e parlamentari. Antonello Ardituro è anche quel PM che ha sequestrato alcuni beni in basso Molise, tra Termoli, San Giacomo e Petacciato. E’  stato lui ad aprire il velo sulla presenza camorristica in Molise, iniziando indagini ed effettuando arresti proprio in basso Molise e oggi racconta la sua storia, la storia dell’antimafia concreta, la storia degli arresti dei capi storici della Camorra, ma soprattutto racconta di come la stessa non è stata sconfitta perché sempre più spesso connivente con gli organi politici e amministrativi dello Stato Italiano.

Tutto si compie nel carcere dell’Aquila dove Antonio Iovine è stato condotto per essere interrogato. “Ha chiesto di parlare, è deciso. Lo conoscevo Iovine – riferisce -. Anni e anni di lavoro per catturarlo. Un’ossessione. Per me e per la polizia giudiziaria. Fu lui a chiamare me. Ed io a farlo condurre a L’Aquila. Eccoci. Il reparto è piccolo e riservato, destinato ai detenuti al 41 bis. Controlli rigorosissimi e massima segretezza. Iovine è stato registrato con un nome in codice. Mi sistemo, chiedo che entri”.

Buongiorno, dottore, da quanto tempo?“. “Prego Iovine, si accomodi“.

Fine del clan dei casalesi.

Il clan dei casalesi non esiste più. E’ stato sconfitto con l’arresto dei suoi capi e dei latitanti storici Antonio Iovine e Michele Zagaria. “Lo Stato non ha vinto” è il racconto in presa diretta di come questo è avvenuto e delle indagini condotte dal Pubblico Ministero della Direzione distrettuale antimafia di Napoli Antonello Ardituro che per anni ha indagato sugli affari illeciti del clan. E’ lui che ha coordinato le ricerche che hanno portato alla cattura dei boss latitanti Mario Caterino, Giuseppe Setola e del capo Antonio Iovine, collaboratore di giustizia dal maggio 2014.

Leggendo il suo racconto, scritto con Dario Del Porto, scopriremo come si è sgretolata la rete di comando della più potente famiglia di camorra, la trama complessa del suo sistema, i delitti, i protagonisti. Scopriremo chei casalesi hanno perso ma che lo Stato non ha vinto. Perché è stato troppe volte complice, troppe volte connivente, altre volte distratto.

I boss sono in carcere, ma il groviglio delle relazioni, dei rapporti, delle trame indicibili, è ancora lì, forte. Per sconfiggere la camorra che va oltre i casalesi e continua a fare affari, non basta arrestare boss e affiliati.

E neppure portargli via i beni. Il trono è vuoto ma lo Stato non ha vinto. Non ancora.

Ardituro in questo modo mette a nudo tutte le omissioni, che troppo spesso hanno accompagnato la lotta alla malavita organizzata, da una parte Giudici, Magistrati e forze dell’ordine, dall’altra pezzi deviati dello stato, dell’imprenditoria e della politica. Uno dei tratti salienti del libro è sicuramente la cattura di Giuseppe Setola che racconta nel capitolo “quell’albero di noci” <<era la notte tra il 13 e il 14 gennaio, mi arriva la chiamata, tutto bene dottore lo abbiamo preso>>. Sono nel mio ufficio all’undicesimo piano, trepidante, con la sensazione che questa volta tutto sarebbe filato liscio. Vado fuori al pianerottolo dove sono le segreterie dei colleghi. Grido <<preso, lo abbiamo preso>>, non c’è bisogno di dire chi. Seguono momenti di euforia, il super latitante, assassino e mandante di decine di omicidi stava per essere assicurato alle patrie galere, a opera di un pool di magistrati e forze dell’ordine, la Camorra scricchiolava a vista d’occhio.

Un altro capitolo da segnalare è sicuramente quello che riguarda l’opinione pubblica e la politica: in alcune zone la camorra è talmente radicata che non ha bisogno di chiedere, ma sono gli imprenditori stessi, i commercianti, gli agricoltori, insomma tutto il sistema produttivo, a rivolgersi direttamente a loro e a pagare il pizzo, la protezione, per i lavori che andranno a fare.  La Camorra gestisce mense scolastiche e ospedaliere, gestisce ospedali interi tramite direttori generali affiliati, avvelena la terra e ammazza i suoi abitanti, sotto gli occhi di tutti, e pochi, pochissimi hanno il coraggio di denunciare.

Un libro coraggioso quello di Ardituro, che mette in evidenza come l’antimafia seria si può e si deve fare, anche a costo della vita o delle libertà personali, va fatto per le generazioni future.

Michele Mignogna

Sono Michele Mignogna, faccio il giornalista in Molise, mi occupo essenzialmente di inchieste, approfondimenti, reportage, indagini sulla ricostruzione post sisma e di attualità. Ho lavorato per il telematico primonumero.it, per il cartaceo La Voce del Molise, collaboro con l'osservatorio nazionale sul doposisma di Antonello Caporale, e attualmente scrivo per il telematico ilgiornaledelmolise.it.

Comments (3)

  • Avatar

    Marco Guarguaglini

    31 Marzo 2015 - 00:02

    quando avrete arrestato tutti gli abitanti di casal di principe forse potete dire che sono stati sconfitti, o minimo chiudere la citta e metterci un’altra intera generazione, ma fino a quel punto i casalesi son vivi e vegeti, quelli che sono dentro e’ tutta vecchia guardia ora ci sono quelli nuovi.

    Rispondi
  • michele

    michele

    31 Marzo 2015 - 08:27

    infatti Marco, è quello che dice Ardituro nel libro

    Rispondi
  • Avatar

    lillo

    15 Gennaio 2016 - 00:43

    Come si fa sconfiggere un cartello cosi’ potente,influente in tutta la campania e a detta dello stato il cartello che fattura 30 miliardi di euro all’anno da ormai 20 anni????solo sequestrando proprieta’ ,conti,azioni e via di seguito…il piu’ grande sequestro della storia di tutte le mafie italiane lo hanno fatto ai casalesi….eppure manco si sono smossi….la ndrangheta’ e la piu’ pericolosa organizzazione mondiale e fa dello spaccio il suo traffico preferito…e piu’ radicata dei casalesi eppure non fattura tutti questi soldi.Fare di tutt’erba un fascio e sbagliato….c’e tanta gente li che lavora alla giornata,li non e come nei quartieri napoletani li la gente sta bene gia’ di famiglia,Fino a quando non sequestrano i veri soldi non se ne fa niente ma orami si sono volatilizzati tutti….anzi sono quadruplicati dopo l’arresto degli ultimi boss.

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top
Change privacy settings