Klaus Davi sulle tracce del più grande mistero della ‘ndrangheta

Shares

Non si hanno notizie di un presunto reggente di una cosca di ‘ndrangheta.

Sembra inghiottito dal nulla. Buoio totale. Gli inquirenti dicono che la sua scomparsa è uno dei misteri meglio custoditi dalla storia della mafia calabrese.

Si tratta di Paolo Schimizzi, scomparso il 22 settembre del 2008.

Davi dice che non si può continuare a cercare solo persone normali, ma che si dovrebbe cercare anche persone “scomode”, scomparse in circostanze misteriose.

E così il massmediologo è spesso a Reggio Calabria, dove ha realizzato un servizio giornalistico nel quartiere dove vive il nipote del boss più sanguinario della ‘ndrangheta, ovvero Giovanni Tebano.

Il tema è sempre lo stesso: che fine ha fatto Paolo Schimizzi?

Inoltre Davi ha scritto una lettera pubblica alla moglie dello scomparso, dove le chiede gentilmente – se ha voglia di parlare della morte del marito – di contattarlo.

In questi mesi, poi, in giro per Reggio Calabria, sono comparsi dei trotter dove sono affissi dei grandi manifesti con la scritta: “Chi l’ha visto? Paolo Schimizzi, scomparso il 22 settembre 2008, padre di tre figli, inghiottito dal nulla.”

I manifesti girano da mesi e ci si chiedeva in città chi ne fosse l’autore. Seguendo i recapiti potrebbe essere Davi. Questo particolare di riferimento, lo riporta il sito laCnews24.

Certo è che in terra di Calabria, in taluni ambienti intessuta di misteri e di silenzi, Davi cerca di squarciare la cortina.

Giuseppe Lanese

Giornalista professionista, comunicatore e formatore. E' tra i fondatori di Restoalsud e caporedattore della stessa testata. E' responsabile cultura dell’agenzia di stampa nazionale Primapress. Ha curato dal 2009 al 2015 il blog "Parole e Musica" di Repubblica.it. Attualmente scrive e realizza video interviste per Tiscali.it sui temi della cultura e dell'innovazione e, sempre per Tiscali, si occupa del coordinamento nazionale della rete news delle regioni. Collabora con l'Università Telematica Pegaso per il corso di "Comunicazione digitale e Social Media" come cultore della materia ed è responsabile comunicazione dell'Ufficio Scolastico del Molise.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top