La straziante storia del piccolo Giuseppe. Ora può curarsi a casa

Shares

Era l’estate del 2014, agosto, il piccolo Giuseppe di Giugliano, paesone alle porte di Napoli, camminava con il nonno per le strade di Formia, luogo della loro vacanza.

D’un tratto il piccolo, nei pressi di un semaforo, si divincola dalla mano del nonno, mentre scattava il verde. Venne investito da un furgone che lo vide comparire all’improvviso.

La corsa in ospedale fu immediata e da quel giorno iniziò un calvario che si protrae da 18 mesi. Prima Giuseppe fu portato al Dono Svizzero, poi al Policlinico Gemelli.

Da quel giorno, i suoi genitori, vedono vivere il figlio tramite le macchine artificiali. Con un continuo andirivieni da Roma, per stargli vicino.

Giuseppe è stato sottoposto ad una serie interminabile di operazioni e vive grazie a macchine che lo fanno respirare e mangiare.

Lui può solo guardare.

La madre sette mesi fa si scopre in cinta, e a causa di una sofferenza fetale, non può più assistere il primo figlio.

Ma per una storia di burocrazia, Giuseppe non poteva essere assistito dalla ASL di Napoli e quindi tornare a casa.

Sofferenza per lui di non poter vedere la madre e stress per la donna, pericoloso in stato di gravidanza.

Poi arriva la buona notizia. E’ il governatore De Luca a darla in un post su Facebook: “Siamo impegnati e mobilitati per consentire cure e assistenza al piccolo Giuseppe, affetto da gravi patologie dopo il drammatico incidente del 2014 e per il quale i genitori hanno richiesto l’attivazione di un servizio di assistenza domiciliare h 24 dopo le dimissioni dall’ospedale Bambin Gesù di Roma. La ASL Napoli 2, in sinergia con l’ospedale Santobono ed i competenti uffici regionali, in considerazione anche dello stato di salute della madre di Giuseppe, predisporranno in via eccezionale l’assistenza richiesta.”

Monica Surace

Nata a Reggio Calabria il 20/07/1976 residente a Campobasso dal 2000 iscritta all’Ordine dei Giornalisti Regione Molise dal 2006 – Categoria Pubblicisti Collaboro con l’emittente televisiva TLT Molise in qualità di giornalista: lettura telegiornale, redazione di servizi, pianificazione palinsesto ed interventi diretti in format politici, economici. Direttrice del sito Lexgenda.it - a carattere prevalentemente giuridico. Giornalista per Tiscali – area Nord. Addetta stampa per campagne di promozione specifiche per aziende. Curatrice di uffici stampa politici Ho lavorato: - come responsabile di redazione per il Molise a Il Sannio Quotidiano - come giornalista per il Molise a Il Tempo - come giornalista a La Gazzetta del Molise e Campobassoweb - come giornalista a il Roma – Salerno - responsabile della comunicazione di progetti dell’ufficio Presidenza del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d'Europa a Strasbrurgo - Referente progetti comunitari di gruppi politici regionali

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top