Quando #KobeBryant da bambino viveva a #ReggioCalabria

Shares

Il signor Joe Bryant, nel 1986, aveva smesso di giocare in NBA ed era reduce da due stagioni nel Basket Rieti.

Ricevette quell’anno la richiesta di giocare nella Viola Reggio Calabria ed accettò.

Disputò un campionato, da ricordare per due motivi. Il primo perché mise a segno 69 canestri in una sola partita, il secondo per la presenza a Reggio di suo figlio Kob, di otto anni.

Nessuno all’epoca poteva immaginare che il piccolo sarebbe diventato uno dei cestisti più bravi di tutti i tempi: ovvero Kobe Bryant.

Ecco perché sul sito della Viola Reggio, ora che Kobe ha annunciato il suo ritiro, è apparsa una lettera ed una foto con Kobe a Reggio ad otto anni.

“Mentre stupivi il mondo per noi sei rimasto il bambino di quella foto”, c’è scritto nel testo. Con un messaggio lungo quanto emotivo e che alla fine conclude così: “Abbiamo un sogno troppo grande per essere vero, forse lo stesso che non avevi in quella foto a otto anni. Ti vorremmo di nuovo a casa, ad indossare i nostri colori, a rappresentare la nostra gente, come ha fatto tuo padre, prima di te. C’è una maglia Nero Arancio che ti aspetta, con il tuo nome sulle spalle: Bryant.”

Giuseppe Lanese

Giornalista professionista, comunicatore e formatore. E' tra i fondatori di Restoalsud e caporedattore della stessa testata. E' responsabile cultura dell’agenzia di stampa nazionale Primapress. Ha curato dal 2009 al 2015 il blog "Parole e Musica" di Repubblica.it. Attualmente scrive e realizza video interviste per Tiscali.it sui temi della cultura e dell'innovazione e, sempre per Tiscali, si occupa del coordinamento nazionale della rete news delle regioni. Collabora con l'Università Telematica Pegaso per il corso di "Comunicazione digitale e Social Media" come cultore della materia ed è responsabile comunicazione dell'Ufficio Scolastico del Molise.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top