Questo sito contribuisce alla audience di

C’è un pugliese che in Kazakistan è una star

Shares

Il Kazakistan è sempre più la terra promessa per le aspiranti star italiane della musica. Sulla scia di Son Pascal, il cantante originario di Salerno diventato una sorta di divo tra i kazachi, ora ci prova anche Toni Turi, ingegnere quarantacinquenne originario di Taranto. Una vita trascorsa a girare il mondo dopo aver abbandonato la Puglia nel 1987: laurea a Londra in ingegneria meccanica e viaggi in Germania, Spagna, Algeria, Emirati Arabi. Toni Turi ha gettato radici nel paese asiatico, dove la cultura italiana piace e soprattutto piace la melodia del bel paese. E lui non ha perso tempo, diventando cantante e produttore di “Amo te”.

La canzone funziona e spopola su Youtube, mentre le radio la trasmettono sulle frequenze kazache. I giornalisti locali, inoltre, lo cercano spesso per intervistarlo. “La musica locale è una copia fedele della musica napoletana – racconta – mentre la musica italiana è più amata e conosciuta qui che da noi”. Toni Turi è arrivato in Kazakistan nel 2010 per lavorare all’Agip. Lì ha conosciuto Son Pascal. Sono iniziate le lezioni, i provini, gli arrangiamenti e poi ha deciso di buttarsi nella mischia con il brano “Amo te”.

L’ingegnere pugliese ha deciso di investire un budget consistente per il lancio della sua canzone e per farsi conoscere al grande pubblico. Ma il progetto sembra stia andando bene. Amo te è una canzone d’amore in italiano e in kazako. Toni Turi prosegue la sua carriera di cantante emigrato in Kazakistan accompagnato da una band che porta il suo nome.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top