Questo sito contribuisce alla audience di

I migliori chef e sommelier italiani a Londra si mobilitano per #SaveRummo

Shares

La campagna social #SaveRummo arriva a Londra insieme alle migliori eccellenze enogastromiche del nostro Paese: pasta, vino, olio ed altre specialità regionali sono “ormai indispensabili nella dieta dei britannici”, dice l’Agenzia ICE della Capitale inglese. Sono questi i protagonisti di “Gusto Italia”, il premio che riconosce i migliori Chef e Sommelier italiani nel Regno Unito. La premiazione e uno showroom sono in programma lunedì 16 e martedì 17 novembre all’hotel Le Méridien Piccadilly, in pieno centro.

Gusto Italia è organizzato da Carmelo Carnevale, presidente dell’Associazione professionale Cuochi Italiani in UK APCI-UK, in collaborazione con l’AIS (Associazione Italiana Sommelier) Sicilia ed il supporto istituzionale dell’ufficio di Londra dell’Agenzia ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane). 

Chef famosi ed esperti partecipano al Gala martedì 17 novembre per annunciare i vincitori. 

L’ospite d’onore è Cosimo Rummo, presidente e amministratore della Pasta Rummo protagonista della campagna social #SaveRummo nata sul web dopo l’allagamento dello storico pastificio a Benevento lo scorso 15 ottobre.

L’unico modo per salvaguardare la qualità della cucina italiana – dice il presidente APCI-UK Carmelo Carnevale – è quello di dare valore ai prodotti locali, impossibili da contraffare. Gusto Italia li porta a Londra per farli conoscere ai Londinesi ed al mercato internazionale”. 

La valorizzazione dei prodotti e del territorio – aggiunge il presidente AIS Sicilia Camillo Privitera – passa anche attraverso la professionalità dei sommelier che meglio interpretano il rapporto tra cibo e vino. La nostra presenza vuole essere un tramite tra l’eccellenza dei prodotti italiani, e siciliani in particolare, ed il complesso ma importante e dinamico mercato inglese”.

“L’esportazione dei prodotti alimentari italiani – afferma il direttore dell’ICE di Londra Fortunato Celi Zullo – è aumentata in maniera costante negli ultimi anni, diventando un elemento indispensabile nella dieta dei britannici. La pasta e l’olio qui sono presenti nella maggior parte delle case, senza dimenticare il grande successo dei vini italiani e in particolar modo del Prosecco, un vero e proprio boom, che ha superato nei consumi lo Champagne francese. Il successo dei prodotti italiani dipende dalla loro alta qualità, dalla loro salubrità e dalla grande complessità dell’offerta proveniente dalle varie regioni italiane”. 

Il premio conta 5 categorie: Chef, Barman/Sommelier/Manager, Ristoratore, Giovane promessa e premio della Stampa. L’anno scorso la vittoria è andata alle colonne della ristorazione italiana nel Regno Unito: Antonio CarluccioGennario ContaldoGiorgio LocatelliGiancarlo CaldesiJames e Thom Elliot, Salvatore Calabrese e Arkady Novikov

Più di 60 delegati da tutta Italia – con una forte presenza da Sicilia, Friuli, Abruzzo, Marche – partecipano allo showroom lunedì 16 novembre, dalle 10 del mattino alle 6 del pomeriggio. L’obiettivo è quello di favorire l’incontro fra produttori ed importatori, distributori ed acquirenti. Spazio anche alla solidarietà con la charity LunchBoxGift che invia aiuti alimentari in Sierra Leone. L’ingresso è gratuito, riservato agli addetti del settore. 

Le masterclass sono sei, tra le quali una sull’Olio Extravergine di Oliva condotta dal presidente dell’APCI-UK Carmelo Carnevale e una sui vini dell’Etna a cura del presidente AIS Sicilia Camillo Privitera. Masterclass anche per il consigliere APCI Giorgio Perin e per Imperiale D’Abruzzo. 

partner ufficiali sono APCI, La Grande Festa del Vino a Bosa, Le Meridien Piccadilly, IMAHR (International Maîtres Association Hotel Restaurant), Tastaly Sapore Italiano, Alivini, Cibosano e Ferrarelle. I media partners sono Gusto Channels, LondonOne radio, L’Arte In Cucina e Italia a Tavola ed Enonews. 

Gioviana Tedeschi

Gioviana Tedeschi, giornalista pubblicista di Lucera (Fg). Attualmente addetto stampa e responsabile del Fondo Ambiente Italiano, Gruppo FAI Lucera, e di una rubrica pubblicitaria sul web. Corrispondente per emittenti locali, vicina al mondo della sensibilizzazione, prosegue la sua formazione scientifica presso l'Università degli Studi di Foggia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top