Questo sito contribuisce alla audience di

La musica al femminile: pochi gli spazi per le nuove cantautrici

Shares

La musica è donna. Questo è ciò che scrissi in un articolo datato 13 marzo 2018 proprio su Resto al Sud.

Cosa è cambiato in quasi due anni dal racconto della situazione della musica al femminile?
Oltre a nuove leve della musica italiana con grandi potenzialità, abbiamo assistito, ancora una volta, nel vedere che le voci femminili sono una piccola parte del panorama indipendente italiano di cui si è parlato: ed ecco il motivo.

Le voci femminili

Attenzione però, ciò non vuole dire che esiste maschilismo nella musica italiana ma è pur vero che le voci femminili non raggiungono il 50% nel panorama artistico italiano.

Se non fosse per Michele Monina che da molto tempo ci parla e ci racconta del mondo della musica al femminile, non ci saremmo neanche resi conto che nuove cantautrici e nuove interpreti hanno grandi potenzialità e fanno musica che potrebbero far “tremare” anche i grandi della musica italiana che vediamo e ascoltiamo in festival nazional-popolari e in radio commerciali.

La musica è donna. Ecco alcune delle migliori cantautrici indipendenti italiane

Ho appreso che proprio nel 2018 è nato un movimento composto da tantissime cantautrici italiane indipendenti grazie all’input dato proprio da Michele Monina.

Un faro nel buio è rappresentato certamente dal Premio Bianca d’Aponte, che da 15 edizioni dà un grande spazio esclusivamente alla musica al femminile. Un evento unico nel suo genere che si svolge ad Aversa ed è intitolato a Bianca d’Aponte, cantautrice del centro campano stroncata a 22 anni da un aneurisma.

May così tante

Scambiando due chiacchiere con SUE, all’anagrafe Susanna Cisini, una delle nuove cantautrici più promettenti della scena indipendente ha dichiarato: “È stato assurdo vedere una line up di solo 3 artiste femminili e due soliste ’emergenti’, uscite da 1M Next, al concerto del primo Maggio di Roma. In risposta a questo episodio, Michele Monina  coinvolse molte cantautrici italiane per un concerto all’officina Pasolini il ‘May così tante’ in contemporanea proprio con il concertone di Piazza San Giovanni. Da lì si sono susseguiti una serie di eventi tutti al femminile come “Femminile Plurale” a Roma e “lilith Festival” a Genova.”

L’artista che non c’era

Altra realtà molto importante per la musica indipendente è “L’artista che non c’era”, concorso nato da Francesco Paracchini, direttore de “L’isola che non c’era” in cui le donne hanno avuto un ruolo importantissimo tra vittorie e partecipazioni.

Detto questo, non si può assolutamente dire che ci sia una discriminazione verso la musica al femminile e il motivo è l’intraprendenza delle artiste ed è questo il motivo per cui risultano in numero inferiore rispetto agli uomini ma che comunque contribuiscono ad elevare la qualità del panorama indipendente italiano.

Salvatore Imperio

Salvatore Imperio, nato a Foggia il 14 Luglio 1982, appassionato di musica, Digital Journalism e social media. Blogger, fonda il sito di informazione dedicato esclusivamente alla musica indipendente “MIE Musica Italiana Emergente” in cui, insieme ad altri appassionati e ricercatori di musica, si occupa di raccontare e informare del vero fermento che la musica italiana sta vivendo. “La musica mi ha già salvato più di una volta e io non posso che raccontarla alla gente” questa è la visione che Salvatore Imperio ha in mente perché “non si può vivere di tormentoni e canzoni che non dicono niente”. Diplomato in Informatica, è iscritto al corso “Culture digitali e della comunicazione” del Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

Start Franchising

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top