Gigi Di Fiore

Gigi Di Fiore (Napoli, 2 gennaio 1960) è un giornalista e saggista italiano. La sua attività di scrittore è in prevalenza focalizzata sulla camorra, sulla storia del Mezzogiorno e sul revisionismo del Risorgimento. Si laurea nel 1983 in giurisprudenza e diviene giornalista professionista nel 1985. Per tredici anni lavora come cronista di cronaca giudiziaria a Napoli per Il Mattino, per lo stesso giornale è inviato speciale dal 1994. Ha lavorato a Napolioggi, Napolinotte, il Giornale di Napoli e il Giornale, sotto la direzione di Indro Montanelli, come redattore. Collabora con il settimanale Oggi e con il mensile Focus storia. È uno dei blogger del giornale online de Il Mattino, dove cura la rubrica Controstorie. Nel 1995, per la pubblicazione di verbali di indagini in alcuni suoi articoli, è pedinato e controllato per un mese dai carabinieri su richiesta della procura della Repubblica di Napoli.[1]. Oltre all'attività giornalistica, si dedica alla ricerca storica, soprattutto su due argomenti: la criminalità organizzata e la storia del Risorgimento italiano e del Mezzogiorno in generale, con attenzione alla fine del regno delle Due Sicilie e al brigantaggio post-unitario. Su questi temi ha pubblicato, tra gli altri: "Potere camorrista" (Age, Napoli); "Io Pasquale Galasso" (Tullio Pironti, Napoli); "1861-Pontelandolfo e Casalduni un massacro dimenticato" (Grimaldi & C., Napoli). Poi, con la Utet: "I vinti del Risorgimento" (Torino, 2004) e "La camorra e le sue storie" (Torino, 2005). Nel 2007, per Rizzoli, "Controstoria dell'unità d'Italia"[2], "L'impero"[3] nel 2008, "Gli ultimi giorni di Gaeta" nel 2010 e Controstoria della Liberazione nel 2012. Con una diversa copertina, il libro "Controstoria dell'unità d'Italia" è stato allegato al mensile "Focus storia" in edicola nel gennaio del 2013.[4]. Per queste attività ha ricevuto riconoscimenti e partecipato a seminari, conferenze, convegni e inchieste sulla criminalità organizzata e il Mezzogiorno, il Risorgimento e il brigantaggio. Ha partecipato a trasmissioni televisive come ospite o intervistato: Samarcanda, Maurizio Costanzo show, il Processo del Lunedì, l'appello del martedì, Chi l'ha visto, Italia che vai, Uno mattina, Sabato e domenica, Blu notte, History channel, La storia siamo noi e altri. Compare da intervistato nel Dvd-libro 'O sistema.

Napoli, baby gang e “nuovo ribellismo”

"Vivono nella parte ricca di Napoli, sono più fortunati, quando ci hanno guardati li abbiamo accoltellati". Se queste sono le

Camorra, l’allarme del procuratore Melillo: «Non solo bande, professionisti e imprese aiutano i clan»

A due mesi dal suo insediamento al vertice della Procura della Repubblica più grande d'Italia, Gianni Melillo fa il suo

Accademici, giornalisti e Benedetto Croce. A proposito della polemica sollevata dai docenti di Bari

Tra il 1931 e 1932, solo 18 docenti universitari non  giurarono per il regime fascista. Gli altri si adeguarono. Per

Leggi speciali e codice antimafia, il doppio binario? Al via con la repressione del brigantaggio

Il dibattito parlamentare si è infiammato anche sulla discussione della riforma del codice antimafia. La possibilità di estendere alle ipotesi

Ecco come morì il capobrigante Carmine Crocco

Era il 18 giugno. Centododici anni fa. Il 18 giugno del 1905 alle ore 8,20 del mattino. Nel malsano carcere

Napoli 1800

140 anni fa la prima picconata per risanare Napoli

I luoghi di Napoli raccontano storie, anche non lontanissime, che spesso riportano a dibattiti e polemiche degli ultimi tempi. Il

Totò e il funerale-bis alla Sanità

"O principe adda turnà 'a casa sua". Luigi Campoluongo aveva molto a cuore che, alla sua morte, Totò avesse un

Cialdini, i massacri nel Sud e la cittadinanza onoraria a Napoli

La notizia è sembrata passare in sordina, ma la "verifica della possibilità di revocare il riconoscimento della cittadinanza onoraria al

L’arroganza del potere e l’elefante di Carlo III di Borbone

Il potere, si sa, è arrogante. Chiunque arrivi ad occupare una qualsiasi postazione di gestione, di supremazia su altri, di

Benedetto Croce e la giustizia borbonica, una lettera poco conosciuta

È  noto che Benedetto Croce aveva le sue idee sul regno delle Due Sicilie e sulla dinastia Borbone. Ma è

Il dopo Referendum, quando era il re a nominare i senatori

Il referendum è andato da 11 giorni. Gli italiani hanno bocciato la riforma, che modificava l'articolo quinto della Costituzione. Il

Il referendum, le accuse di irregolarità e il peccato originale del Plebiscito del 1860

Manca poco, ormai, alla data del referendum che divide il Paese. In campagna elettorale, sono fioccate le accuse di irregolarità

Fenomenologia di Roberto Saviano

Se fosse stato vivo Andy Warhol, ne avrebbe sicuramente fatto un soggetto per le sue opere. Come la Coca cola,

1857, terremoto in Basilicata: il primo ad essere fotografato

Fu una sciagura apocalittica. Ben 123 anni prima del famoso sisma del 1980. Il terremoto del 16 dicembre 1857, di

La commemorazione dimenticata: 150 anni fa l’annessione del Veneto all’Italia

Sul Corriere della sera del 21 ottobre, Ernesto Galli della Loggia, sempre molto sensibile al tema dell'unità del Paese, si

Pontelandolfo, l’eccidio e la mia cittadinanza onoraria

Stavolta, sarò perdonato, parlerò anche di qualcosa che mi riguarda in prima persona. Un'esperienza che mi ha riempito di emozione

Il racconto del Sud e la rassegna di Pollica-Acciaroli

Il racconto del Sud si muove sempre attraversando continue suggestioni, stimoli occasionali, ispirazioni da esperienze. Un racconto che si muove,

La scomparsa di Ermanno Rea e quella telefonata sul Risorgimento

Ho custodito come un bel ricordo quella telefonata, ricevuta nella redazione del Mattino. Si era nell'anno delle celebrazioni sui 150

Terremoto, attenzione alla mancanza di sensibilità della stampa

È insopportabile la retorica dell'io c'ero, insopportabile rappresentare se stessi nello scenario del dolore altrui. Rileggendo alcuni appunti, mai utilizzati,

I martiri di Pietrarsa e le polemiche in rete

Ancora sull'eccidio di Pietrarsa, perchè il 6 agosto si avvicina e perché si continuano a leggere in Rete interventi risibili,

Top
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com