Giovanni Di Iacovo

Giovanni Di Iacovo (Pescara, 1978), svolge attività di ricerca in Letteratura Italiana Contemporanea presso l’Università di Pescara, dirige da undici anni il Festival Adriatico delle Letterature ed è autore di racconti e romanzi tra cui Sognando una cicatrice (Castelvecchi, 2000), Sushi Bar Sarajevo (Palomar, 2007), Tutti i poveri devono morire (Castelvecchi, 2010) e La Sindrome dell’Ira di Dio (Zero91, 2013). Alcuni suoi testi sono stati messi in scena in Viaggio nelle Metropolis con Stefano Benni e David Riondino e tradotti in diverse lingue. É risultato vincitore di numerosi premi tra cui la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo (Sarajevo, 2001) e il Premio Teramo (2006).

Cambiamo tutto, si può fare cultura anche senza fondi pubblici. E lo abbiamo dimostrato

Capita che amici e colleghi di altre parti d'Italia a volte mi facciano una telefonata  perché hanno sentito da telegiornali

Pescara si tinge di festival: da Baricco a Fabio Volo

Undici anni di cultura e di partecipazione. Un Festival per tutte e per tutti che in undici anni è cresciuto

Caro assessore il ministro Cécile Kyenge è italiana quanto lei

Gaffe dell’Assessore Regionale e Consigliere comunale di Pescara Carlo Masci. In un suo recente post, l’importante esponente del centrodestra abruzzese

Con le Start-up locali i Comuni possono dare una risposta alla crisi del lavoro

Anche un Comune può fare la sua parte nel promuovere la creazione di nuovo lavoro. Nel corso della crisi, i

Pescara

Piccoli ecomostri crescono… E costano

Anche Pescara ha i suoi piccoli ecomostri. Uno dei più storici è quello eretto sulla riviera nord di Pescara dalla

Trend Aeroporto 2013

Chi ha tagliato le ali all’aeroporto d’Abruzzo

Stiamo assistendo da diversi anni alla progressiva desertificazione del nostro Aeroporto. In soli 18 mesi sono stati cancellati voli per

Bella Ciao

L’assurdo divieto di cantare “Bella Ciao”

Su molte questioni è bene che ci sia confronto, posizioni differenti e, quando è necessario, anche scontro. Tante altre questioni

Fermata Bus

Nessuno lo saprà

La vampa color zucca del lampione al sodio giù in strada illuminava una giovane donna che pareva proprio aspettare la

Top