Imprenditorialità femminile made in sud: la storia di Rosaria Coscia

Shares

C’è chi è costretto ad andare all’estero per trovare il lavoro in linea con le proprie ambizioni e chi decide di restare in Italia, al Sud, per assecondare il proprio talento mettendosi in proprio per dare una svolta alla propria vita.  E’ il caso di Rosaria Coscia e della sua storia che sembra essere quella che in tanti sognano: inseguire i propri desideri a tal punto da lasciare i brillanti studi universitari per assecondare il proprio talento e buttarsi nell’apertura di un laboratorio artigianale a Toritto, un paese in provincia di Bari.

Il tocco di Minerva

La giovane artigiana pugliese Rosaria Coscia è fondatrice del laboratorio “Il Tocco di Minerva”, specializzato nella realizzazione di accessori moda totalmente realizzati a mano. Rosaria, spinta dal coraggio e da un innato talento, ha lasciato gli studi universitari in giurisprudenza per inseguire e coltivare un sogno, che come lei stessa afferma è “il mio sogno di donna del sud alle prese con le mille difficoltà per far crescere ciò che è parte di me”.

Artigianato delle donne del sud

Il laboratorio nasce infatti dalla passione per l’artigianato, la moda e per la manualità che la mamma e le zie, artigiane di un tempo come tante donne del sud, hanno trasmesso a Rosaria. “Credo che ognuno di noi abbia un talento – racconta Rosaria –, un dono innato che può regalare emozioni se gestito con passione, amore e pazienza oltre che con una forte e costante attenzione alle evoluzioni“.

La passione che diventa lavoro

“Ho avuto la fortuna di imparare molto dalle sarte e dalle artigiane pugliesi – racconta Rosaria – aprendomi a corsi e laboratori anche all’estero, in tal modo riesco a rendere felici molte persone con le mie creazioni. Spesso penso a tutte le donne come me sognano di poter fare di una passione un lavoro. Per questo spero che la mia storia possa essere da esempio e stimolare le donne del sud, le donne innamorate della propria arte, a credere e a inseguire i propri sogni”.

Troppo pressanti i grandi marchi

Tenacia, coraggio e impegno hanno permesso a Rosaria di aprire luminosi spiragli per fare della propria passione la fonte con cui alimentare il proprio talento e da cui trarre sostentamento riuscendo anche a rilanciando una nobile arte. L‘idea di avviare un laboratorio artigianale a Toritto in Puglia, è nata dopo anni di duro lavoro sempre al fianco di artigiani locali. Troppo pressanti i grandi marchi della moda per sperare di sfondare da subito.

Dal garage ad uno showroom pubblico

“Ho iniziato da quello che molti chiamano il ‘garage’ – racconta Rosaria –  tra lo scetticismo generale, prima partecipando a mostre, poi a piccoli passi avviando collaborazioni importanti con grandi boutique sparse per l’Italia. In appena cinque anni il brand è cresciuto come mai avrei pensato. Oggi realizzo accessori da spedire in tutta Italia e oltreoceano facendo sempre leva sulla mia semplicità e su un laboratorio artigianale e sartoriale, che a brevissimo diventerà anche showroom al pubblico”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top