Questo sito contribuisce alla audience di

I quattro gemellini di Foggia finalmente a casa: ora pesano più di due chili ciascuno

Shares

La mamma record foggiana, Maria Laura Del Gaudio, oggi potrà finalmente tornare a casa assieme a suo marito, Michele Mele, e ai suoi quattro gemelli – Maria Francesca, Luigi, Antonio e Nicole, dopo due mesi e tre giorni di ricovero in Terapia Intensiva Neonatale.

Il lieto annuncio arriva direttamente dalla pagina Facebook  di Casa Sollievo della Sofferenza,  struttura di eccellenza del Sud, in cui i quattro piccoli sono nati dopo il “trasferimento in utero” (modalità protetta) di Maria Laura dall’Ospedale di Foggia. Pesavano dai 900 ai 1.200 grammi ma, con un temperamento da veri guerrieri, hanno già affrontato la prima importante prova della loro vita ed oggi pesano più di due chili tutti e quattro, sono in buone condizioni di salute e possono finalmente lasciare l’Ospedale.

I giorni difficili, trascorsi tra paure ed ansie, non sono mancati ma sono ormai alle spalle ed hanno lasciato spazio soltanto alla felicità di mamma Maria Laura. “I nostri figli sono una gioia immensa, non vediamo l’ora di essere a casa tutti e sei”, ha detto radiosa.

“Sono stati giorni difficili – ha spiegato papà Michele – non possiamo negare di aver avuto paura, la Terapia Intensiva è un reparto delicato. Qui siamo stati accolti bene sin dall’inizio. Volevo ringraziare il primario e tutto lo staff del reparto che si sono presi cura dei nostri figli come se fossero i loro”.

“Voglio complimentarmi innanzitutto con i genitori – ha sottolineato Pier Paolo Cristalli, direttore dell’Unità di Neonatologia-TIN di Casa Sollievo –. Sono stati molto presenti, attenti e hanno affrontato questa lunga degenza in Terapia Intensiva con un incredibile ottimismo e forza di volontà. Mi sento di ringraziare anche tutta l’equipe della Neonatologia-TIN che dirigo, perché sono stati tutti molto professionali, in particolar modo le infermiere che con le loro meticolose attenzioni rendono possibile questi risultati”.

Una storia esemplare di amore e di coraggio quella di Maria Laura e Michele, di una sorprendente scoperta arrivata all’ecografia del primo trimestre, di quei quattro battiti che oggi pesano più di due chili ciascuno e che stanno per fare il loro ingresso, tanto desiderato, a casa. Adesso tocca rimboccarsi le maniche ma mamma Maria Laura è fiduciosa, “ci siamo già organizzati con i nonni e gli zii. Una mano ciascuno e ce la faremo”.

Anna Laura Maffei

Giornalista, blogger ed esperta di comunicazione, scrive di sociale, di innovazione e di cultura. È communication manager di Digital Media, service giornalistico di Tiscali.it e main partner di RestoalSud.it, portali d’informazione per i quali scrive i suoi articoli. Per la testata RestoalSud.it ricopre il ruolo di caporedattrice dal 2014, ha curato la selezione e l’editing dei testi dell’omonimo libro ("#RestoalSud", Pietre Vive Editore, 2018) ed è coordinatrice didattica della Resto al Sud Academy, l’incubatore di talenti digitali del Mezzogiorno. Opera come consulente ed esperta di comunicazione digitale e social media per PMI e Startup e svolge attività di ufficio stampa. Ha collaborato con diverse testate informative, rigorosamente “all digital”, tra cui Gosalute.it, TerzoSettore TV e Look Out TV, quest’ultima tra le web tv di riferimento nell’ambito del racconto delle culture, diretta da Claudio Martelli, di cui è stata project manager. È coautrice della seconda edizione di “Brand Journalism. Storytelling e marketing: nuove opportunità̀ per i professionisti dell’informazione” (edita dal Centro di Documentazione Giornalistica).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top