“Sono la chiave per salvare il turismo”: National Geographic omaggia tre borghi italiani

Shares

Tre meravigliosi borghi italiani: due nella provincia di Foggia, Vieste e Bovino e uno in provincia di Teramo , Campli. Luoghi splendidi che meritano una visita.

La chiave è nei piccoli borghi d’Italia

La rivista National Geographic, una tra le più autorevoli nei settori natura, scienza, turismo, cultura e storia, omaggia le bellissime foggiane Vieste e Bovino e l’abruzzese Campli. Secondo l’autorevole giornale, le mete della provincia di Foggia e il delizioso borgo d’Abruzzo possono essere la chiave per superare questo stallo dovuto al delicato periodo storico che stiamo vivendo.

Gemme della campagna italiana

Campli (Te)

L’articolo può essere consultato al seguente link. Nel dettaglio il giornale sottolinea: “La scorsa settimana il governo italiano ha presentato un pacchetto di salvataggio turistico di 4 miliardi di euro che includeva 30 milioni di euro destinati a rivitalizzare i villaggi in cinque regioni meridionali. Con queste e altre iniziative, queste gemme della campagna italiana risplenderanno al ritorno dei viaggiatori internazionali”.

Il turismo nei paesi

Bovino (Fg)

Con la riapertura dell’Italia al turismo, i viaggiatori locali cercheranno destinazioni al di fuori delle principali città. Si presta bene a questo il Gargano, meta turistica per eccellenza, ma anche i Monti Dauni, caratterizzati da borghi che d’estate si ripopolano di turisti con sagre e festival di tradizione popolare. Il National Geographic ha consigliato i tramonti della splendida Bovino, i colori del borgo gioiello di Campli e quelli della leggendaria Vieste, mostrando a tutto il mondo le preziose e uniche peculiarità dei piccoli borghi di queste zone d’Italia.

Tradizioni e autenticità

Bovino è un bellissimo centro situato sui Monti Dauni dove si respira ancora tutta l’autenticità delle tradizioni più antiche. Campli, luogo di tradizioni secolari, uno scrigno d’ arte arroccato sulle colline Teramane. E poi c’è la città di Vieste, considerata la perla del Gargano una zona con delle spiagge da sogno. Famosa anche per la fiaba attorno a Pizzomunno, il monolite calcareo simbolo della città.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top