Acquedotto Pugliese, Amam Messina, Abbanoa Cagliari, Rete gas Bari, Sicilia acque, Amap e Rap di Palermo, Gori Napoli, Asia Benevento, Amiu Puglia, Acquedotto Lucano, Sidra Catania. Sono tra le società che hanno aderito  a Rete Sud, il Protocollo d’intesa promosso da Utilitalia, federazione che riunisce oltre 500 principali realtà dei servizi pubblici, rivolto alle aziende meridionali.

Uno spazio di confronto e programmazione tra le imprese, con lo scopo di condividere best practice, affrontare le problematiche emergenti in una visione unitaria ed aumentare efficienza e capacità gestionale.

L’accordo, che ha durata triennale – spiegano i promotori – nasce dalla consapevolezza del ruolo crescente che il sistema economico del Sud riveste nell’economia nazionale e dalla presenza all’interno di questo sistema di notevoli differenze tra diverse realtà aziendali. Rete Sud si configura come un centro unico di interessi e competenze aziendali idoneo a svolgere un ruolo strategico e di sintesi delle esigenze del Sud, nel panorama nazionale e comunitario.

Si occuperà principalmente di ambiente e sicurezza, sviluppo delle infrastrutture e accesso ai fondi comunitari, affari legali e societari, amministrazione, regolazione del servizio, a partire da quella tariffaria, gestione del personale e sviluppo attività formative, rapporti commerciali, comunicazione, gestione efficace ed efficiente delle reti e degli impianti.