I baby vitelli sono stati già coperti con i cappottini. All’emergenza freddo e gelo si risponde in tutti i modi. E a Noci si “vestono” anche gli animali per contrastare la morsa di gelo e neve che ha stretto anche la Puglia, creando preoccupazione, secondo quanto rilevato da Coldiretti Puglia, per ortaggi, frutteti già in fiore e animali nelle stalle.

In provincia di Foggia dalle prime ore dell’alba gli agricoltori si sono adoperati per il taglio anticipato dei cavolfiori, evitando così che le gelate notturne rovinino irrimediabilmente il prodotto. In provincia di Bari grande preoccupazione per i mandorli in fiore e per le gelate notturne che potrebbero arrecare danno alle varietà di ciliegie che fioriscono in anticipo.

“Vanno con urgenza liberate dall’isolamento le strade di campagna – dice Gianni Cantele, Presidente di Coldiretti Puglia – per consentire le consegne quotidiane, il ritiro dei prodotti di latte ed il rifornimento di ortaggi e altri generi alimentari. A preoccupare è il protrarsi del gelo. Si teme il ripetersi di uno scenario critico come quello del 1985, quando le gelate hanno compromesso gravemente le produzioni. Soprattutto in Puglia nelle ultime settimane i mandorli erano già in fiore con il perdurare di temperature minime troppo alte per la media stagionale. Con la repentina ondata di gelo il rischio è che mandorli, vigne, ciliegi e altri alberi da frutto, impossibilitati a vivere appieno la fase di quiescenza, dopo il ‘risveglio’ anticipato con fioriture anomale già a febbraio, rischiano che fiori e gemme vengano bruciate dal gelo”.

Una preoccupazione che – continua la Coldiretti – riguarda i vigneti se le temperature minime dovessero scendere per lungo tempo su valori estremamente bassi. I danni strutturali alle piante – precisa la Coldiretti – sono destinati a compromettere le produzioni nel tempo poiché servono anni prima che le nuove piante messe al posto di quelle uccise dal freddo inizino a produrre.
“Il brusco arrivo del freddo mette in pericolo gli alberi da frutto – aggiunge Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia – con i mandorli già in fiore e le gemme di albicocchi e peschi che rischiano di essere compromesse dalle basse temperature. Con le strade bloccate dal ghiaccio e dalla neve, in difficoltà sono anche i ritiri dei prodotti raccolti e le consegne di prodotti deperibili come verdure e latte. Anche i trattori degli agricoltori della Coldiretti sono stati mobilitati come spalaneve per pulire le strade e come spandiconcime per la distribuzione del sale contro il gelo. I mezzi agricoli sono al lavoro per consentire la circolazione anche nelle aree più interne e difficili ed evitare l’isolamento di case e aziende ma anche garantire le consegne di prodotti alimentari”.