Hanno lasciato un messaggio e un numero di cellulare, per essere contattati qualora qualcuno li avesse ritrovati. Poi, hanno preso una serie di palloncini bianchi e li hanno lanciati in cielo. Era il loro modo di concludere i festeggiamenti per i 25 anni di matrimonio.

E qualcuno, quei palloncini li ha ritrovati davvero. E il cellulare di Paolo Pilone, titolare di una celebre macelleria del centro storico di Foggia ha squillato. Era la figlia di un pescatore che si era imbattuto in quei palloncini bianchi, sull’altra sponda del Mare Adriatico, in Montenegro. E’ la storia di Paolo e Michela, una coppia di sposi foggiani che ha festeggiato le Nozze d’argento. Ed è diventata protagonista di una bella e curiosa storia.

Venticinque anni di matrimonio, più sette di fidanzamento, suggellati da una festa organizzata dalle due figlie. Poi, hanno fatto volare in cielo dei palloncini bianchi con un bigliettino sul quale hanno annotato un messaggio di augurio per chi lo avesse trovato e il proprio numero di cellulare. “E’ stato un gioco per noi – ha poi commentato Paolo Pilone -. Mai avremmo immaginato di ricevere un sms da una ragazza montenegrina. Nel messaggio c’era scritto: Li ha trovati mio padre mentre pescava. Mi premeva farvi sapere la bella notizia”.