#Scherzoalsud, il ritorno a scuola visto dai genitori del Sud

Shares

Se esistesse un trending topic dei genitori del sud nelle ultime settimane al primo posto ci sarebbe stato di sicuro #maquandoinizialascuola.

Noi ad un certo punto facevamo proprio il conto alla rovescia. C’è la festa della mamma, quella del papà, e poi quella di entrambi i genitori: il primo giorno di scuola. Non è cattiveria, provateci voi a star dietro ai bambini che passano le mattine tra playstation e smartphone, che ti rallentano il wifi e ti rubano i caricabatterie, e i pomeriggi tra calcetto e giochi in strada, che li fanno tornare sudati e sporchi come dei minatori.

Poi finalmente arriva il giorno dopo il quale niente sarà più lo stesso. Guarda caso quest’anno molte scuole sono iniziate l’11 settembre… Fa caldo al sud, quest’anno l’estate pare non finire mai. Te ne accorgi dai bambini delle elementari che vanno a scuola ancora coi pantaloncini corti e dai papà che mentre seguono i figli con lo sguardo si distraggono guardando le altre mamme che indossano ancora vestitini leggeri. E che incredibilmente alle 8 sono già perfettamente truccate e parruccate. Ma a che ora si svegliano la mattina? Ma torniamo alla scuola. Non è più come qualche anno fa, ora si comincia direttamente con l’orario intero, subito lezioni, interrogazioni e compiti per casa.

Appropò, anche quest’anno ci hanno fatto comprare un libro per i compiti delle vacanze, i bambini se lo sono portati fin sotto l’ombrellone per finirlo tutto e poi nessuna maestra li ha nemmeno guardati. Lo sapete cosa succederà l’anno prossimo, vero? Esatto, non lo apriranno nemmeno…

Ma non è tutto oro quello che luccica. Il ritorno a scuola coincide anche con il riattivarsi del gruppo Whatsapp dei genitori, che poi è frequentato soprattutto dalle mamme. Sanno tutto su maestre, bidelle, compagni di scuola. L’altro giorno parlavano del fatto che l’aula di quest’anno è un po’ meno luminosa di quella dell’anno scorso. Le mamme. I papà se va bene sanno che anno frequentano i figli, solo i migliori ricordano anche la sezione. Vabbè io a volte le confondo, ma solo a volte…

Sandro Simone

Sandro Simone, dopo la laurea ha trovato un lavoro “serio” a Milano ma ha resistito 4 anni e poi è tornato nella sua Foggia. Scrive battute per siti web, giornali, libri, ebook, spettacoli teatrali, cortometraggi, programmi tv e muri dei bagni degli autogrill. Ha da poco iniziato a collaborare con noi di restoalsud con una sua rubrica #scherzoalsud, con puntatine sulla home di Tiscali

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top