A #Napoli si inaugura una stazione che non apre

Shares

Giorno di festa a Napoli. Si inaugura la stazione della metropolitana di piazza Municipio.

Si taglia il nastro. Ma poi lo si riannoda perché i lavori continuano: si apre ufficialmente a giugno.

E il cantiere rimane ancora almeno fino a luglio. Vabbè, non importa. E’ festa. Va tutto bene. Si inaugura anche la nuova piazza davanti a Palazzo San Giacomo.

Bella la nuova prospettiva. Che profondità e spazio, che abbraccio tra il Maschio Angioino e il porto.

Ma dove c’erano aiuole, fiori, bellissime chiome d’albero che facevano ombra e davano riparo agli stormi, ora c’è solo un manto di pietre, nemmeno una zona d’ombra, quattro arbusti gracili e pietre, pietre, pietre, solo pietre.

Il sole vi rimbomberà e la piazza sarà una fornace inutile. Che orrore.

Napoli conferma il suo rapporto difficile con il verde pubblico.

C’è un indirizzo preciso o sono i capricci dei progettisti? O forse gestire alberi e fiori è più difficile che pulire la pietra? Non lo so.

So che abbiamo un sindaco che twitta per difendere l’Amazzonia dal disboscamento e non si accorge che gli stanno tagliando gli alberi sotto la finestra.

Il che, tutto sommato, a Napoli – dove si inaugura una stazione che non apre – ci sta.

Antonio Menna

Antonio Menna è nato a Potenza ma vive a Napoli da bambino. Laureato in Scienze politiche, ha cominciato a collaborare con i giornali a 18 anni e non ha più smesso. E' iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 1991. Collaboratore del quotidiano Il Mattino, suoi articoli sono apparsi su testate nazionali e locali, tra cui Il Manifesto, Liberazione, la Tribuna, i settimanali Vita e Avvenimenti, il mensile La Voce della Campania, il sito web Fanpage. Si occupa anche di uffici stampa, social media e comunicazione sul web. Nel 2007 ha pubblicato il suo primo romanzo, Cocaina & Cioccolato (Cicorivolta edizioni), seguito nel 2009 da Baciami molto (Cicorivolta edizioni), nel 2012 da Se Steve Jobs fosse nato a Napoli (Sperling & Kupfer), nel 2013 da Tre terroni a zonzo (Sperling & Kupfer). Ha vinto il premio letterario Elsa Morante – Nisida, nel 2012, e il premio giornalistico Francesco Landolfo, nel 2013. Ha un blog molto seguito (www.antoniomenna.com).

Comments (4)

  • Avatar

    gbravin

    25 Maggio 2015 - 08:37

    Solo ed esclusivamente “PROPAGANDA ELETTORALE!”
    Domenica prossima ci sono alcune elezioni regionali e comunali…(tra cui la Campania)

    Rispondi
  • Avatar

    Erminio de Biase

    25 Maggio 2015 - 13:11

    Che c’entra?!? L’importante era inaugurarla PRIMA delle elezioni: così fa più “chic”; poi, poco importa se funzioni o meno. D’altro canto, bisogna mantenere vive le tradizioni: si cominciò a parlare di metropolitana di Napoli, oltre quarant’anni fa e – guarda la combinazione – sempre nell’imminenza elettorale…

    Rispondi
    • Avatar

      gbravin

      25 Maggio 2015 - 19:44

      La quoto: ” sempre nell’imminenza elettorale…” Quindi implicitamente, mi da ragione!

      Rispondi
  • Avatar

    cinzia

    25 Giugno 2015 - 16:52

    E già…La bella Napoli!!! Ci ho abitato da universitaria, non ci torno volentieri. E’ sempre più sporca e sempre più macabra!!

    Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top