';

“Ponte sullo Stretto opera necessaria”, Musumeci e Spirlì si incontrano a Catania

  • Un incontro a Catania per dire che il Ponte sullo Stretto è un’opera necessaria
  • Tra i partecipanti i presidenti delle Regioni Sicilia e Calabria
  • A promuovere l’iniziativa il network “Lettera150”

Un incontro per dire che il Ponte sullo Stretto è un’opera necessaria per due regioni ma non solo. Questo il senso dell’iniziativa “Grazie Ponte sullo Stretto: l’opera possibile e necessaria, per l’Italia e per l’Europa” che si è svolto a Catania e al quale hanno partecipato il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, l’amministratore delegato di Webuild, Pietro Salini, il professore Felice Giuffrè, hanno preso parte anche l’ex ministro Pietro Lunardi, l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e l’omologo della Calabria Domenica Catalfamo. A promuovere l’iniziativa il network “Lettera150”.

Musumeci: basta con eterni rinvii e balletti

«Il governo Draghi ci dica cosa vuole fare del Ponte sullo Stretto, abbiamo diritto a una risposta definitiva. Basta con gli eterni rinvii e i balletti, altrimenti siamo pronti a farlo da soli», ha detto Musumeci. Con una battuta, il presidente della Regione Siciliana si è riferito al ponte: «Chiamiamolo “Ulisse” – ha detto – perché pare che a Roma se diciamo Ponte sullo Stretto sia considerata una parolaccia». E poi ha aggiunto: «Siamo stanchi di essere considerati colonia, vogliamo diventare il cuore, la piattaforma logistica del Mediterraneo. Ma non sarà possibile se non c’è l’alta velocità e se non si passa in tre minuti tra le due sponde. C’è chi vuol mantenere il sistema Italia diviso in due: un Nord ricco e opulento che produce e un Sud povero e straccione che consumai i prodotti del Nord». 

Spirlì: l’Europa ha l’obbligo politico di realizzarlo

«Al Ponte ci crediamo e l’Europa ha l’obbligo politico di realizzarlo. Lo chiamiamo “Ulisse” come il più mediterraneo dei navigatori, come il più europeo tra gli europei. Ulisse compie qui il suo viaggio e noi pensiamo che il movimento interno possa avvenire soltanto se riusciamo a collegare tutti i segmenti del nostro continente», ha detto Nino Spirlì.

Per Spirlì, Calabria e Sicilia sono due regioni che, insieme, «rappresentano, dal punto di vista culturale, turistico e identitario, il fondamento dell’Italia. I loro patrimoni artistici, culturali e umani hanno portato all’Italia un tesoro veramente inimitabile, regalato al mondo intero. Perciò, dobbiamo cominciare a dire che qui è Europa; e qui l’Europa ha il dovere di creare “Ulisse”. Ma, se vogliamo ottenerlo, dobbiamo ribaltare l’attuale concezione geografica e politica. È urgente e necessario che l’Europa provveda al più presto a creare il collegamento tra la sua porta d’ingresso e il resto della casa».

«Noi – ha affermato ancora il presidente della regione Calabria – non stiamo chiedendo un intervento da poveri. Il progetto c’è già, chiavi in mano. Qui siamo in Europa, bisogna svegliarsi. Il vero ingresso per il continente non è il porto di Rotterdam, ma quello di Gioia Tauro. Ci devono dire cosa vogliono fare».

Salini: il Ponte creerebbe 20 mila posti di lavoro

Problematiche più politiche che tecniche, anche secondo Pietro Salini, amministratore delegato di Webuild, la società che dovrebbe occuparsi della costruzione dell’opera. «Si può fare – spiega Salini –  anzi, lo stavamo facendo, ma ci hanno fermati. La differenza tra i Paesi che crescono e quelli che annaspano è anche nella capacità di creare le grandi opere, di creare prospettive e di essere attrattivi. Il Ponte creerebbe 20 mila posti di lavoro. Noi siamo pronti a partire, anche domani».


Dalla stessa categoria

Lascia un commento