Green New Deal, l’orizzonte del pianeta: l’esordio editoriale di Antonello Durante

Shares

Green New Deal: rischi e vantaggi di un nuovo interventismo pubblico in economia” (edizioni Albatros) è l’opera prima di Antonello Durante, giovane professionista salentino. Una guida utile per chi vuole comprendere realmente, e con occhio un po’ più tecnico, il progetto Green New Deal.

Forse è il vero gate per il futuro, lo switch on dell’uomo con la sua stessa natura di essere predominante in un ecosistema dilaniato.

Il Green New Deal

Il libro di Antonello Durante

Il piano chiamato Green New Deal è il frutto di un percorso in cui si sono ritrovati molti stati membri di questo vecchio ma lungimirante continente chiamato Europa.

La sfida, appunto, parte da Bruxelles e si prefigge la volontà di educare l’intero pianeta con una deadline non lontanissima: 2050.

Ma è davvero possibile questo in una realtà in cui i combustibili fossili governano le economie e richiedono una trivellazione selvaggia e continua di ogni angolo di questo pianeta?

Il libro

A partire da queste considerazioni, nello specifico l’autore pone l’attenzione sulla funzione della governance pubblica internazionale protagonista dell’applicazione e della realizzazione diacronica dell’obiettivo. I processi dell’economia e della finanza in cui, appunto, confluiranno le strategie dei singoli continenti. Antonello Durante ha realizzato questo volume grazie al suo background e al ruolo che ha ricoperto in passato – ufficiale dell’Esercito Italiano con ruoli di comando in Italia e all’estero – e che ricopre attualmente – manager per Amazon Italia.

Le sfide

Proprio gli impegni internazionali hanno permesso di comprendere le sfide avvincenti a cui siamo chiamati, a tal punto da portare il saggista ad abbandonare il ruolo pubblico per entrare a far parte di un colosso mondiale che oggi è sulla piramide dei mercati. Il progetto editoriale è stato pubblicato da Albatros ed è disponibile negli store digitali e nelle librerie. “Green New Deal: rischi e vantaggi di un nuovo interventismo pubblico in economia” può quindi a tutti gli effetti essere considerato un volume per comprendere il vortice sociale in cui viviamo e le sfide che ci attendono.

Domenico Bonaventura

Domenico Bonaventura (Avellino, 1984), giornalista, comunicatore e saggista, vive e lavora tra Lacedonia, in Alta Irpinia, dov’è cresciuto, e Roma. Laurea Magistrale in Scienze Politiche – indirizzo Comunicazione politica, economica e istituzionale – presso la LUISS “Guido Carli” di Roma. Giornalista con una passione rovente per il calcio, la politica e le parole. Italiano e meridionale fiero e critico, una passione rovente per il calcio, la politica e le parole, ho gestito e gestisco diversi uffici stampa - campagne elettorali, manifestazioni culturali, enti museali. Collabora con diverse testate: dal 2010 con la redazione di Avellino de Il Mattino di Napoli, con cui ho firmato più di millecinquecento articoli, dal 2016 con Restoalsud.it e da due anni con Il Mattino di Foggia e con Eurocomunicazione.com. Coordina l’area Comunicazione per diverse aziende e figure politiche e istituzionali. Mediamente attratto dalle reti sociali, le utilizza soprattutto per ottimizzare il lavoro. Moderatore e relatore in molteplici convegni e corsi di formazione, è autore del saggio “Parole e crisi politica. Dal politichese all’economichese. Come cambia il lessico politico al tempo della crisi” (ilmiolibro.it, 2013), finalista del Concorso Letterario Nazionale Ilmioesordio Ha fondato e gestisce il progetto di comunicazione Velocitamedia.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com