“Il viaggio” in Molise vince al Social World Film Festival

Shares

Trecentotrenta film in concorso e fuori concorso e quarantotto nazioni partecipanti sono i numeri della Settima edizione del Social Film Festival Internazionale di Vico Equense che quest’anno dedica il premio alla carriera a Claudia Cardinale, icona di bellezza e di fascino recitativo.

Un Festival che già nel nome indica il suo incipit e le attività che svolge durante tutto l’anno con promozioni cinematografiche svolte in collaborazione con gli Istituti italiani di Cultura e con le Ambasciate in città quali Cannes, Parigi, Vienna, Berlino, New York, Los Angeles, Tokio, Barcellona, per indicarne alcune. Il Social Festival, che nasce dalla necessità di dare visibilità anche a film di qualità che spesso vengono preclusi dalle grandi diffusioni, ha lo sguardo puntato sulle tematiche sociali ad ampio raggio e quest’anno ha scelto il tema indicativo di “Magia superstizioni paesaggi”.

Nella sezione Focus occhio al sud, sezione competitiva dedicata ai film realizzati nel Sud Italia si è aggiudicato il primo posto il film “Il viaggio” (ex aequo).  Il viaggio è il primo film completamente girato in Molise, con ideazione del soggetto di Maurizio Santilli, interprete di uno dei cinque personaggi che danno vita e anima a un lavoro che per la regia di Alfredo Arciero, la sceneggiatura di Alessio Billi e di Arciero  e la produzione della INCAS Film di Roberto Faccenda si è posto  all’attenzione della Giuria per temi, che scandagliano la vita in una sorta di maieutica dei sentimenti e dei valori ineludibili, per storie personali che sono le storie stesse dell’uomo in ogni dove,  per suggestioni emotive e paesaggi molisani di sorprendente bellezza, quelli che fiancheggiano lo storico tratto ferroviario della Carpinone- Sulmona.

Proprio su un treno si incontrano i cinque personaggi del film: l’imprenditore fallito, l’enologo in crisi, il politico in bilico tra corruzione e rivalsa personale, l’attrice che ritorna agli affetti della famiglia di origine, la giovane professoressa alla ricerca di una purezza di sentimenti. Nello svolgersi fisico e ideale del viaggio, tra soste, partenze, incontri e arrivi, ri-trovano il senso delle loro esistenze. Se cinque sono i protagonisti se ne può aggiungere un altro, la natura stessa che intreccia la sua costante presenza con le vite delle persone e indica una possibile scelta di autenticità, di interiore bellezza e di forza. Il cast degli attori (da Maurizio Santilli – a cui va il merito della costante attenzione a che dal corto, realizzato circa cinque anni fa, si potesse poi arrivare al film – a Daniela Terreri, Fabio Ferrari, Danila Stalteri, Marco Caldoro, Gaetano Amato, Angelo Orlando, Sergio Sivori, Palma Spina, Diego Florio, Barbara Petti, Angela Pepi – con importanti esperienze in film, teatro e serie TV), la saggia regia di Alfredo Arciero, il paesaggio molisano, i dialoghi stessi e tutto ciò che necessita per la realizzazione di un film, hanno contribuito a dare al lavoro il senso della qualità e del valore.

Maria Stella Rossi

Giornalista e scrittrice con attenzione costante per la storia, i saperi della tradizione e quelli artistici della sua regione, il Molise, nella quale ha scelto di restare, vive in un borgo, Cerro al Volturno, paese a ridosso del Volturno, con castello turrito del XV sec. Autrice di volumi dal carattere storico-artistico quali Il Tombolo nel cuore di Isernia, libro che traccia attraverso l’oralità e le memorie locali la storia di un’arte manuale arrivata ad Isernia nel XV secolo; Le benedettine di San Vincenzo al Volturno( incentrato sulle figure umane, spirituali e culturali delle monache benedettine americane che hanno rifondato il cenobio dell’VIII sec.); Fornelli tra storia e tradizione; Parole canzoni preghiere ed altro in dialetto fornellese con cd di antichi canti e preghiere di fine Ottocento; ha contribuito alla scrittura delle guide turistico- culturali: Scapoli e il Museo della zampogna; Agnone e l’Alto Molise; Il tombolo di Isernia, una suggestione dal passato. Ha realizzato ( in collaborazione ) il Museo civico del Tombolo di Isernia; ha pubblicato la raccolta di racconti Guasti, il volume Alla corte di Valentino ( con Sebastiano Di Rienzo, sarto del noto stilista); scrive per la rivista D’Abruzzo, periodico di turismo- cultura- ambiente, per la rivista Il Ponte Italo-americano che si pubblica negli USA, per il giornale Il Quotidiano del Molise, per i magazine CriticArt e Enneti notizie teatrali e di cultura, per i giornali on line ecodelmolise, gambatesaweb, colibrimagazine, altosannio, teleaesse. Ha vinto il premio speciale di Giornalismo culturale nel 2004. Si interessa di critica d’arte e di cura di cataloghi d’arte. E’ stata nominata dalla Rete Italiana di Cultura popolare ( Torino), Cercatore di Tracce; è ideatrice, organizzatrice e promotrice di convegni, presentazioni e del premio letterario nazionale ( in collaborazione) L’Iguana- Castello di Prata Sannita –CE; ha ideato e realizzato dvd dal carattere artistico; componente di associazioni culturali per la valorizzazione e la diffusione della cultura locale e nazionale.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top