Sicurezza stradale, ecco l’app per rilevare gli incidenti: il brevetto è “barese”

Shares

Un nuovo importante strumento per garantire la circolazione di chi guida sulle strade. Da oggi c’è una nuova procedura automatica, per aiutare il conducente rimasto vittima di un sinistro e che ha difficoltà, nella gestione dell’incidente, ad operare. Tale procedura, innovativa, la prima in Italia, è stata approvata dal Ministero dello Sviluppo Economico e brevettata con n. 102017000065218 del 13 novembre 2019.

Il brevetto

L’inventore è il Prof. Fabrizio Pompilio. Barese, docente di diritto assicurativo all’Università Popolare degli Studi di Milano, esperto di conciliazione assicurativa, da molti anni si occupa della gestione di liquidazione di sinistri assicurativi, come patrocinatore stragiudiziale. Ha conseguito il dottorato di ricerca in materia di diritto delle assicurazioni ed opera gestendo contenziosi contro le più significative e importanti società assicurative in ambito nazionale.

“Esaminando la realtà quotidiana – spiega Fabrizio Pompilio – non solo ho avvertito l’importanza di un’assistenza all’assicurato nella fase preventiva fornendo allo stesso tutte quelle informazioni che sono in grado di favorire il conducente dell’automezzo, ma ho anche notato una grossa lacuna organizzativa dal momento in cui si verifica il sinistro. Dopo aver approfondito i casi, ho cercato di creare un collegamento tra le situazioni giuridiche, che si aprono al momento di un sinistro e le possibilità operative necessarie per far scattare da un lato un pronto intervento per aiutare la persona vittima del sinistro e nello stesso tempo per allertare istituzioni assicurative e di pronto intervento per ridurre al minimo le conseguenze anche economiche collegate all’evento e quindi all’incidente”.

Una risposta nuova e originale

Lo studio individua un sistema capace di offrire una risposta nuova ed originale, ma nello stesso tempo concreta e reale, alle esigenze dell’automobilista.

“IFAPP è dunque il sistema che dà questa risposta. Una soluzione efficace ed innovativa che permette di superare le difficoltà dei contatti e quindi dell’informazione tempestiva. Il sistema elimina la procedura tradizionale, perché, una volta impostato prima della partenza il programma di rilevazione e segnalazione, il servizio procede in modo automatico. In secondo luogo lo strumento per far scattare la segnalazione non ha bisogno, dopo la sua impostazione, di ulteriori interventi dell’uomo. Il sistema elettronico è in grado da solo di rilevare e notificare l’incidente, in quanto dotato di rilevamento indipendente e di conseguente notifica dell’incidente stesso. Una vera novità”.

Roberto Zarriello

Esperto di strategie editoriali e brand journalism, imprenditore digitale, saggista, giornalista. Ho fondato, tra le altre, startup come Digital Media e InstaGo, creato la prima Digital Academy del Sud, e lanciato Comunicatori Digitali Associati, il primo think tank sul giornalismo e la comunicazione digitale. Laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Bari, oggi sono Docente di Comunicazione Digitale e Social Media all’Università Telematica “Pegaso” e in vari master universitari (Luiss, Iusve), formatore per gli organi di comunicazione della Corte Costituzionale, web editor dell’ente per il turismo dell’Isola d’Elba. Fino al 2017 ho coordinato la prima Commissione sulla didattica digitale del MIUR istituita dall’USR Molise. Sono stato speaker e moderatore al Web Marketing Festival, Festival del Giornalismo, SMAU, Ninja Talk, ed una serie di convegni e conferenze con Ordine dei Giornalisti, Centro di Documentazione, Primo Piano Formazione, TVLP, e organizzatore de “La Battaglia delle Idee”. Scrivo di comunicazione, web e nuove tecnologie su HuffingtonPost.it, coordino il social media team di Tiscali.it, e collaboro con il gruppo Espresso. Sono autore di libri per il Centro di Documentazione Giornalistica e per Franco Angeli Editore. Nel 2015 ho ricevuto il premio Giornalistico Nazionale ‘Maria Grazia Cutuli’ per la categoria “Web, Editoria digitale”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top
Change privacy settings