Questo sito contribuisce alla audience di

Un po’ studenti, un po’ genietti: a scuola nascono startup

Shares
Startup scuola

Immaginazione, intraprendenza, creatività e innovazione: sono questi i requisiti per passare dall’idea all’impresa e provare ad entrare nel cerchio magico del business. E se il mantra, recitato ormai sistematicamente nel dibattito mediale, è “dobbiamo fermare la fuga dei cervelli”, un primo passo decisivo affinchè l’esodo dei giovani emigranti italiani possa rallentare va fatto all’interno delle scuole, già a partire dalle medie.

La voglia di Startup ha accomunato gli studenti della terza media dell’“Ascanio Grandi” e del primo superiore del “Galilei-Costa” di Lecce.

Coordinati dal docente Evandro Panico, gli studenti del Grandi stanno partecipando al laboratorio di imprenditorialità giovanile denominato “Startup Garden”, un giardino di micro imprese promosso da una rete di 11 scuole medie del territorio.

I piccoli “geni” dell’Ascanio Grandi hanno ideato e stanno dando vita all’impresa “Emporio Ascanio”, che ha due obiettivi diversi. Il primo, denominato “ArtiGeniale”, ha lo scopo di stimolare la manualità di tutti gli alunni della scuola, incentivandoli a produrre piccoli e grandi oggetti di artigianato. Il secondo, denominato “AskBook”, è un innovativo sistema di prestito libri che ha lo scopo di incoraggiare la lettura.

Entrambi i settori producono “economia” e non solo per i giovanissimi imprenditori della startup. Gli oggetti di artigianato prodotti da tutti gli studenti della scuola, infatti, saranno venduti presso un mercatino della scuola e, in futuro, anche on line, sul sito ufficiale dell’impresa. La maggior parte del ricavato andrà allo studente / artigiano che ha prodotto l’oggetto, mentre una quota inferiore andrà all’impresa. Anche AskBook produce un piccolo reddito in quanto chi prende in prestito un libro paga un euro per il servizio, di cui 50 centesimi sono destinati alla studentessa o studente che ha messo a disposizione il libro e un’altra parte va all’impresa.

Non solo: per entrambi i settori i ragazzi hanno pensato anche alla beneficenza, pertanto una piccola quota di ricavato, sia dalla vendita degli oggetti di artigianato che dal prestito dei libri, sarà destinata ad aiutare una buona causa. Tra quelle prese in considerazione, vi è anche quella condotta dalla rete sociale “SOLOxLORO” che si impegna per la realizzazione del Polo Pediatrico presso il Fazzi di Lecce.

Giulio Raganato (di Copertino) e Francesco Tortorelli (di Lecce) sono, invece, i giovanissimi studenti (14 anni) che frequentano il primo anno presso l’Istituto “Galilei-Costa”. Hanno scelto la scuola per la sua natura fortemente orientata all’imprenditorialità e, insieme, hanno già sviluppato un’idea d’impresa tecnologica, che opera sul web, apprezzata sia per quanto concerne la fattibilità (con le loro giovani competenze informatiche) che per il possibile o potenziale “successo” economico sul mercato. Sono partiti da una reale esigenza da parte di uno dei genitori, hanno così scoperto che un certo servizio non esisteva ancora in rete e hanno quindi deciso di farlo loro, tipico approccio di che ha la stoffa dello startupper.

Sull’identità e sulle funzioni della loro “creatura” tengono per ora il massimo riserbo: si sa solo che la startup opererà in tema di “formazione”.

Anna Laura Maffei

Giornalista, blogger ed esperta di comunicazione, scrive di sociale, di innovazione e di cultura. È communication manager di Digital Media, service giornalistico di Tiscali.it e main partner di RestoalSud.it, portali d’informazione per i quali scrive i suoi articoli. Per la testata RestoalSud.it ricopre il ruolo di caporedattrice dal 2014, ha curato la selezione e l’editing dei testi dell’omonimo libro ("#RestoalSud", Pietre Vive Editore, 2018) ed è coordinatrice didattica della Resto al Sud Academy, l’incubatore di talenti digitali del Mezzogiorno. Opera come consulente ed esperta di comunicazione digitale e social media per PMI e Startup e svolge attività di ufficio stampa. Ha collaborato con diverse testate informative, rigorosamente “all digital”, tra cui Gosalute.it, TerzoSettore TV e Look Out TV, quest’ultima tra le web tv di riferimento nell’ambito del racconto delle culture, diretta da Claudio Martelli, di cui è stata project manager. È coautrice della seconda edizione di “Brand Journalism. Storytelling e marketing: nuove opportunità̀ per i professionisti dell’informazione” (edita dal Centro di Documentazione Giornalistica).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un like a Resto al Sud

 ATTENZIONE 

Si avvisano tutti i gentili utenti di www.restoalsud.it e delle nostre pagine Social che, per motivi non dipendenti dalla nostra volontà, stanno arrivando email contenenti virus informatici dall’indirizzo di posta elettronica di Resto al Sud che invitano ad aprire un file compresso *.zip contenente un virus (riconosciuto ed eliminato comunque dai migliori antivirus), simulando una risposta ad una mail propria o di terzi ed inserendo il testo del mittente per intero.
Vi esortiamo quindi a STARE MOLTO ATTENTI alle email di questo tipo e a non aprire mai l’allegato in esse contenuto.
Grazie mille e buona giornata.

Top