Olivante, la startup che porta l’olio d’oliva su piattaforma digitale

Shares

Permettere a tutti i ristoratori o gestori di attività con cucina di ordinare il miglior olio direttamente dai piccoli produttori e frantoi d’Italia. É l’obiettivo di Olivante.it, la prima piattaforma digitale specializzata nel mercato dell’olio extravergine d’oliva.

Vincitori del bando Pin pugliesi Innovativi

Olivante è stata fondata nel dicembre 2019 dai fratelli Marco e Mario Morrone, foggiani di 26 e 30 anni. La loro startup, vincitrice del bando Pin – Pugliesi Innovativi e di un finanziamento a fondo perduto della Regione Puglia di 30 mila euro, in sei mesi ha coinvolto oltre 15 produttori locali provenienti da quattro regioni diverse per un totale di 21 differenti cultivar, cioè varietà di olivi.

Guida agli abbinamenti

Andando sul sito dell’azienda, i ristoratori potranno scegliere l’olio da utilizzare nella propria cucina in base ai propri gusti. Con la Carta degli Oli e la Guida agli abbinamenti messa a disposizione per una scelta consapevole, c’è l’accurata descrizione di tutte le cultivar offerte da Olivante, cioè la varietà di olivi che è possibile scegliere attraverso un quiz.

Imprenditoria e qualità pugliese

Tutto è cominciato un anno fa, quando Mario, che lavorava nel settore del digital marketing, capì che il suo obiettivo era, come lui stesso ha raccontato, fare “l’imprenditore per costruire un progetto che potesse valorizzare la terra in cui sono nato. Così decisi di tornare a Foggia e di dar vita a Olivante, insieme a mio fratello Marco che aveva appena iniziato gli studi a Bergamo” e che proprio in Lombardia iniziò a bussare alle porte di diversi ristoranti per far provare l’olio pugliese. Così nacque il progetto della piattaforma web e poi la partecipazione al bando della Regione Puglia. 

Anna Laura Maffei

Giornalista, blogger ed esperta di comunicazione, scrive di innovazione e tecnologia, di sociale, di cultura e di scuola. È communication manager e vicepresidente di Digital Media, partner editoriale di ANSA.it, già service giornalistico di Tiscali.it e main partner di RestoalSud.it, portali d’informazione per i quali scrive i suoi articoli. Per la testata RestoalSud.it ricopre il ruolo di caporedattrice dal 2014, ha curato la selezione e l’editing dei testi dell’omonimo libro ("#RestoalSud", Pietre Vive Editore, 2018) ed è coordinatrice didattica della Resto al Sud Academy, l’incubatore di talenti digitali del Mezzogiorno. Opera come consulente ed esperta di comunicazione digitale e social media per PMI e Startup e svolge attività di ufficio stampa. Ha collaborato con diverse testate informative, rigorosamente “all digital”, tra cui Gosalute.it, TerzoSettore TV e Look Out TV, quest’ultima tra le web tv di riferimento nell’ambito del racconto delle culture, diretta da Claudio Martelli, di cui è stata project manager. È coautrice della seconda edizione di “Brand Journalism. Storytelling e marketing: nuove opportunità̀ per i professionisti dell’informazione” (edita dal Centro di Documentazione Giornalistica).

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top